Il Bosco Incantato “Geometrie Classiche” con UmbriaEnsemble

UmbriaEnsemble, “L’Arco e la Lira”, a Perugia
Maria Cecilia Berioli

Il Bosco Incantato Geometrie Classiche con UmbriaEnsemble. Geometrie ed illusioni; proporzioni e paradossi; equilibri che sembrano volgere nel proprio opposto: il gioco della seduzione musicale si fa sottile e raffinato nel terzo appuntamento della rassegna di Concerti “Il Bosco Incantato” al Giardino dell’Usignolo sul punto più alto e panoramico dell’acropoli perugina. Le “Geometrie Classiche” che UmbriaEnsemble propone nell’appuntamento di Martedì 11 Agosto, con inizio come sempre alle 19, vogliono condurre gli ascoltatori dalla scenografica terrazza immersa nel verde del Bosco fin dentro un originale labirinto di percezioni dove il tema dominante è la dialettica tra forma e timbro.

Una piacevolissima occasione per sperimentare in prima persona la propria attitudine all’ascolto: sarà la nostra capacità razionale ad individuare le olimpiche strutture formali classiche sottese ai brani presentati, oppure saremo più sensibili alle suggestioni timbriche degli strumenti – viole e violoncelli – della stessa famiglia e così contigui da scambiarsi quasi l’uno con l’altro in una dimensione di illusione acustica?

Geometrie Classiche

Una selezione di brani di raro ascolto, quella operata da UmbriaEnsemble, per un programma da Concerto godibilissimo ma anche provocatorio: tutti gli Autori scelti appartengono a quel fertile periodo della storia della musica che salda il Classicismo al primo Romanticismo, periodo che ha visto la creazione dei maggiori capolavori di tutti i tempi. Si comincia con un Duo per due viole ( Luca Ranieri e Yoshie Ooka) di A. B. Bruni, per continuare con le Fughe a due violoncelli (M.Cecilia Berioli e Arianna Federici) di L. Boccherini. Duo come duello, dove la dialettica è pure amplificata dall’identità/differenza dei timbri degli strumenti. Gran finale con l’importante Trio op.12 in mi minore di F. Limmer dove i diversi strumenti si saldano in una continuità che trascina l’ascoltatore in un labirinto percettivo tra forma e timbro musicale.

E l’incantesimo del Bosco non finisce qui: il Giardino dell’Usignolo ospiterà proprio per questa occasione un’esposizione di opere pittoriche di due note artiste ternane: Cecilia Piersigilli ed Angelisa Bertoloni, il cui stile figurativo si trasfigura nell’astrazione. Un labirinto percettivo, al Giardino dell’Usignolo, che si concluderà con il tradizionale e raffinato apericena.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*