Grande successo per il concerto finale del VI Master internazionale

NORCIA – Un pubblico caloroso ha gremito l’Auditorium di San Francesco, la sera scorsa (17), in occasione del concerto finale del VI Master Internazionale di studio e di perfezionamento per Orchestra di Fiati, svoltosi a Norcia nel fine settimana, su iniziativa del Complesso bandistico “Città di Norcia”. Sotto la magistrale direzione del Maestro Wesley J. Broadnax, docente della Drexell University di Philadelphia, i musicisti hanno avuto modo di mostrare i risultati dell’attività di studio, esibendosi in un repertorio vario e coinvolgente, basato su musiche originali composte da autori contemporanei.

Il programma musicale, curato anche dal maestro Filippo Salemmi, docente del Master insieme al virtuoso Broadnax, ha visto il brioso e vivace rincorrersi di brani come “Danzon n. 2” di Arturo Marquez, “Marcia dell’imperatore” di Gioacchino Rossini, “Aroldo” di Giuseppe Verdi,”Undertow” e “Sheltering Sky” di John Mackey e “First Suite per banda militare” di Gustav Holst.

Entusiasta dell’evento e del suo apprezzamento da parte del pubblico si è dichiarata l’assessore alla cultura Giuseppina Perla. “Ringrazio e mi congratulo con i musicisti e con i loro maestri per il livello di professionalità dimostrato e per l’impegno profuso nel programmare questa bella serata, che ricorda – se ce ne fosse ancora bisogno – quanto la città di Norcia sia legata alla musica, e quanto tenga alla formazione e al perfezionamento musicale dei suoi giovani musicisti e non solo.

Iniziative come questa del Master per orchestra di Fiati o come quella dei Corsi internazionali di interpretazione musicale, in programma fino alla fine di questo mese, non fanno altro che aprirci al mondo, farci crescere e migliorarci”.

Il prossimo appuntamento musicale di carattere internazionale si terrà a Norcia il 24 agosto, sempre presso l’auditorium di San Francesco alle ore 21:30. Questa volta a suonare insieme ai componenti del Complesso bandistico “Città di Norcia” saranno alcuni musicisti americani della Wind Symphony Orchestra della Carroll University, dove le bande di Norcia e Bevagna sono state ospitate lo scorso aprile per tre giornate di studio.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*