European social sound, Perugia il 27 marzo 2015 diventa la capitale della musica emergente

È una iniziativa informativa, itinerante, innovativa della Regione Umbria sulle politiche per il lavoro e la formazione, abbinata ad un concorso per band musicali emergenti.
I progetti sono quelli già realizzati e da realizzare grazie alle risorse del Fondo Sociale Europeo, a cura della Regione Umbria.

Le informazioni istituzionali vengono date nei cambi di palco fra un gruppo e l’altro nel corso delle serate di qualificazione e della serata finale, all’interno del contest.

Per essere sicuri di catturare l’attenzione viene realizzato un quiz in cui si vincono premi tecnologici, incentrato sulel informazioni diffuse nel corso delle serate.

Per partecipare al quiz e per votare le band in concorso è sufficiente andare sul sito ufficiale dell’iniziativa www.europeansocialsound.it e prenotare il votatore elettronico.
La giuria di qualità del 27 marzo 2015.

La Regione Umbria ha scelto dei veri e propri assi del settore per favorire il futuro artistico dei concorrenti:
Per la categoria delle Major ci sono due personaggi importantissimi della grande etichetta Universal Group, presente con Fausto Donato, Direttore artistico, per intenderci quello di “The Voice of Italy” e Giorgio Cipressi, Responsabile ufficio stampa della medesima etichetta.
Rispetto alla pubblicità ormai già commissionata non è stato possibile inserire il nome di un altro giudice di enorme caratura, per la televisione ci sarà un personaggio importantissimo, Marco Salvati, musicista (infatti comincia la sua carriera creando la sigla di Discoring), autore televisivo (di ben tre edizioni di Sanremo e di tantissimi altri programmi, vanta una collaborazione storica con Paolo Bonolis)

Non mancherà la Radio: tornerà la bravissima, simpaticissima e bellissima Tamara Taylor e il mondo degli indipendenti, che saranno rappresentanti dal patron del prestigioso MEI, Giordano Sangiorgi, presidente di Audiocoop.
Sono proprio questi due ultimi personaggi che al buio, cioè senza alcuna informazione tranne l’ascolto di tracce audio rigorosamente live, hanno preselezionato le 36 band che si sono esibite nelle tre serate di qualificazione e che sono state scelte fra le 78 che si sono iscritte al concorso nei tempi. Si evidenzia che abbiamo dovuto escludere moltissime altre band che hanno mandato le loro candidature ad termini ormai scaduti.
dalle 36 band si è passati alle 12 finali in questa maniera: per ciascuna tappa di qualificazione si sono esibite 12 band, due scelte dal pubblico e due scelte dalla giuria di qualità.
Nella prima tappa i giudici sono stati:
•Tamara Taylor,
•Flavio Manieri (musicista ed organizzatore di eventi musicali)
•SID reporter per webzines musicali.

Seconda tappa:
•Alex Achille (giornalista, Dj e produttore)
•Maurizio Tomaselli (ex musicista, organizzatore eventi curatore di radiophonica.com)
Terza tappa:
•Alberto Brizzi (musicista, autore, direttore d’orchestra e candidato al Golden Globe nella categoria Best soundtrack)
•Francesco Bruni (chitarrista, autore, esperto del suono)

Il premio finale minimo garantito per la migliore band, che sarà scelta dalla giuria di qualità nell’ambito della serata finale, che si terrà questo venerdì 27 marzo 2015, presso AFTERLIFE live club a Balanzano a partire dalle 22 (La finalissima, come tutti gli altri eventi, è ad ingresso libero) è:
• registrazione da parte di una casa discografica (5000 CD),
• realizzazione di un videoclip del brano vincitore,
• pubblicizzazione del brano vincitore tramite la rete nazionale e internazionale delle radio universitarie.
• Esibizione di diritto all’interno MEI (Meeting delle Etichette Indipendenti).
E’ previsto anche un premio del pubblico che consentirà alla band prescelta di diffondere il suo brano presso la rete nazionale e internazionale delle radio universitarie.

Inoltre, tutte le band finaliste avranno la loro risonanza, in quanto i brani da loro presentati saranno riuniti in una compilation e saranno pubblicati sulla piattaforma web del MEI. Sempre per i finalisti, il giorno dello “scontro” finale Giordano Sangiorgi, patron del MEI organizzerà un workshop gratuito sul mercato musicale.
Ad ogni modo a tutte le band finaliste è stata data e verrà data una opportunità enorme: quella di esibirsi davanti a giurie di estrema qualità. Insomma se ci saranno uno o più talenti, è impossibile che non vengano “scoperti”.

Le tappe di qualificazione si sono svolte in locali che abitualmente ospitano musica dal vivo, e così sarà anche per la finale.
Le tre tappe di qualificazione precedenti alla finale, sono state ospitate rispettivamente dal
• Serendipity (Foligno)
• Queency lounge Club (Terni)
• Free Revolution (Città di Castello-San Secondo)

La competizione sarà dura, dato l’alta qualità delle band e il supporto e il calore del pubblico giocheranno un ruolo decisivo.
Sul sito dell’iniziativa sono ascoltabili tutte le tracce in gara, divise per luogo di esibizione.
I gruppi che si esibiranno il 27 marzo e le rispettive canzoni sono:

• ADIUS – Coscienza sporca
• CaPaBrò – L’amore
• Deep Blue Trio – When I Was A Child
• Gilgamesh – Not so Grey
• Gli Esperimenti di Selenia – Previsione Totale
• Il Pinguino Imperatore – La Barba
• Mayhem Project – The Challenge
• Mosquitoes – Breath
• Solomeo Suite – Tempesta
• The Catchers – 21 Cigarettes
• The Staplers – Like a rainfall
• Toni & Madboxes – More and more

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*