CONAD E UMBRIA JAZZ, VALORIZZANO GIOVANI TALENTI

conad jazz(umbriajournal.com) PERUGIA – Colori, suoni, ritmi: le strade di Perugia si sono animate di gruppi musicali
e giovani musicisti in quello che è uno dei più apprezzati festival di jazz al mondo. I perugini e gli
appassionati hanno risposto all’invito e decretato l’ennesimo successo della manifestazione: tutti i
concerti sono stati seguiti sinora da tantissime persone. Anche perché il programma è ricco di
interpreti di primissimo piano, nel quale figurano anche i nove finalisti del Conad Jazz Contest,
concorso promosso da Conad e Umbria Jazz e riservato a giovani musicisti italiani under 35, solisti o
gruppi, che propongano progetti nell’ambito di un repertorio jazzistico di vari generi e stili.

Pericopes, Collettivo T. Monk, Jàʼ Moods, Club 60, Daniela Spalletta feat. Urban Fabula,
Camilla Battaglia Quartet, Nutimbre, Off Lines sono
stati selezionati grazie all’azione congiunta di
due commissioni, una giuria tecnica formata dalla Perugia Jazz Orchestra di Mario Raja, che ha scelto
otto dei nove finalisti, e una giuria popolare composta dalla community online, che ha espresso le
proprie preferenze portando allʼindividuazione del nono finalista.
I nove talenti si sono aggiudicati lʼopportunità di esibirsi a Umbria Jazz in base ad una terza classifica
stilata da una giuria artistica presieduta da Renzo Arbore e composta da Marco Molendini, critico
musicale e giornalista de Il Messaggero, Luca Conti, direttore del mensile Musica Jazz, Donatella
Miliani, giornalista de La Nazione Umbria, e Giovanni Guidi, pianista.
Questi i primi tre classificati che si esibiranno in Piazza IV Novembre alle 19.30 nel corso del week
end conclusivo di Umbria Jazz: domenica 14 luglio i Pericopes, che in qualità di primi classificati,
sono stati inseriti nella lineup della prossima edizione di Umbria Jazz Winter; sabato 13 luglio, il
Collettivo T. Monk, secondo classificato, e venerdì 12 luglio i Jàʼ Moods, terzi classificati.
Da sottolineare che la giuria artistica, esprimendosi sulla rosa dei nove, ha giudicato i Ja’ Moods
meritevoli del terzo posto: un segnale dell’affinità di gusti della comunità artistica con quella digitale.
«La scelta di proseguire con la seconda edizione del concorso – spiega il direttore generale Conad
Francesco Pugliese – affonda le radici nella nostra visione d’impresa, che guarda ai giovani come
risorsa fondamentale per lo sviluppo non solo economico, ma anche culturale e artistico del Paese.
L’iniziativa s’inserisce nell’ambito del nostro ormai consolidato impegno in favore di Umbria Jazz, che
ci vede partner attivi nella valorizzazione del Festival, a fianco dei promotori e delle istituzioni del
territorio».

182 gruppi provenienti da tutta Italia, per un totale di oltre 519 artisti coinvolti e 480 brani caricati.
Questi i risultati della seconda edizione di Conad Jazz Contest, Un successo testimoniato anche
dalla pagina Facebook dedicata e della community online: 45.477 le visite al sito web, corrispondenti a
23.755 i visitatori unici che hanno visitato il sito, ascoltando e votando i brani caricati per un totale di
7.400 fan votanti che hanno espresso 28.175 voti. Gli utenti che hanno interagito con la pagina sono
stati 5.329 e 1.280.784 le persone che hanno visto un qualsiasi contenuto associato alla pagina.

Conad completa la presenza a Umbria Jazz con il classico incontro nel chiostro del Complesso monumentale di Santa Giuliana nella giornata di sabato 13 luglio alle ore 18.30. Invitate le
istituzioni locali, i promotori e le personalità che animano il festival, con l’obiettivo di coinvolgere in
profondità gli ospiti, rafforzando il legame con il territorio.
Le persone tra comunità e community è il titolo della conversazione di quest’anno, coordinata dal
saggista e autore di Avevamo la luna Michele Mazzi, a cui partecipano il sindaco di Perugia
Wladimiro Boccali, il giornalista ed esperto di nuovi media Carlo Massarini, il direttore generale
Conad Francesco Pugliese, e il fondatore della community C-You.tv Devid Sassi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*