Mostra fotografica “Ospedale Oltre” in 50 scatti la quotidianità dell’Ospedale

Mostra fotografica “Ospedale Oltre” in 50 scatti la quotidianità dell’Ospedale
Mostra fotografica “Ospedale Oltre” in 50 scatti la quotidianità dell’Ospedale

Mostra fotografica “Ospedale Oltre” in 50 scatti la quotidianità dell’Ospedale.
Martedì 15 Settembre, in occasione di un convegno sui nuovi farmaci ad alto costo, efficaci nelle malattie neoplastiche, neurologiche ed infettivologiche, che si svolgerà nell’Aula del Triangolo, e al quale parteciperanno farmacisti ospedalieri e del SSN e medici ospedalieri, specialisti nell’uso di tali farmaci, verrà inaugurata una singolare mostra fotografica, attinente l’attività assistenziale nell’Ospedale S. Maria della Misericordia.

La mostra si compone di 50 fotografie, stampate su specifici supporti, che verranno esposte nell’atrio principale, e potrà essere visitata fino alla fine dell’anno.

Il titolo è “Ospedale Oltre”, e le foto sono state scattate e selezionate da un giovane farmacista ospedaliero, Nicola Nigri, che ha dedicato il suo tempo libero per rafforzare la passione per la fotografia con momenti di attività assistenziale svolte nelle più diverse strutture di degenza e ambulatoriali.

“Ho voluto raccontare l’Ospedale attraverso le immagini, un’impresa difficile e complessa, perché nessuno vorrebbe mai essere passato in certi luoghi di sofferenza – dice Nigri -.

Ho dovuto costruire un percorso alternativo, per fissare attimi che sembrano durare un’eternità”. Nigri ha ovviamente ricevuto la liberatoria sulla privacy di chiunque è stato ripreso dalla sua Reflex, e ne abbia autorizzato la pubblicazione fissando momenti di ansia, di attesa, di gioia, di dolore, di attività assistenziale.

Infatti le foto riguardano anche operatori sanitari durante il loro servizio. Tra le foto più rappresentative della mostra quella che ritrae un paziente speciale, Leonardo Cenci, ripreso in sala d’attesa del day hospital di oncologia, con il suo consueto sorriso.

Mostra fotografica

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*