MONNI, NO A SENATORI NEL CDA DI PERUGIA ASSISI

paCMYN01(UJ.com3.0) PERUGIA – La candidatura di Perugia Assisi a Capitale europea della cultura 2019 è un importante progetto di sviluppo, espressione di una visione ampia e di condivisione unanime della crescita culturale, sociale ed economica dei territori, in una ottica regionale e non più locale.La neonata Fondazione ha l’impegnativo compito di operare sia in una proiezione nazionale che internazionale, facendo leva su cultura, economia della conoscenza e nuove tecnologie, ovvero attivando ed impegnado competenze e personalità di alto profilo culturale e sociale, che siano rappresentazione unanime della società civile umbra.

Per questo motivo ritengo inopporuno che un membro del CdA, organo cui spetta il compito di guidare l’iniziativa, sia impegnato direttamente in politica, nonché neoeletto al Senato della Repubblica. E’ aupicabile, vista la portata dell’iniziativa, che i membri del CdA siano tutti esponenti di alto profilo e super partes, al di fuori delle logiche politiche, poiché a loro spetta il compito, insieme al Comitato scientifico, agli enti locali ed alla Regione, di rafforzare in maniera condivisa la candidatura.

Il progetto è una grande sfida, ma anche una importante opportunità che deve essere colta in pienezza e condivisione. Richiederà capacità manageriali e cospicui investimenti, non solo per infrastrutture culturali, ma anche in termini di dedizione e imparzialità dei soggetti direttamente impegnati. E’ ragionevole e opportuno, quindi, che chi ha intrapreso una carriera politica si dimetta, ripristinando una composizione del CdA che sia alta rappresentazione della società civile, e non della politica.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*