La via dell’amore, l’arte che conquista tutti a San Valentino

Tanti visitatori a Palazzo Baldeschi per lo speciale percorso di 14 dipinti dedicato all’amore

La via dell’amore, l’arte che conquista tutti a Perugia

La via dell’amore, l’arte che conquista tutti a San Valentino

da Lara Partenzi
PERUGIA – Il connubio tra l’amore e l’arte ha messo d’accordo giovani e meno giovani, single ed intere famiglie. Il percorso organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dalla Fondazione Cariperugia Arte in occasione di San Valentino ha fatto registrare un grande consenso da parte dei visitatori, un pubblico variegato che nella giornata del 14 febbraio ha scelto “La via dell’amore” per festeggiare la giornata dedicata agli innamorati in modo speciale, all’insegna dell’arte.

A partire dalle 12 e fino alle 19 un afflusso straordinario: quasi 300 visitatori a Palazzo Baldeschi, di cui oltre la metà hanno preso parte alle visite guidate gratuite organizzate nell’ambito dell’iniziativa che ha previsto uno speciale programma alla scoperta di 14 dipinti dedicati all’amore, selezionati proprio per il 14 febbraio tra quelli della Collezione Marabottini.

La raccolta è esposta nel centralissimo Corso Vannucci di Perugia, dove lo scorso dicembre è stata aperta la casa-museo allestita con circa 700 opere collezionate nell’arco della vita dallo studioso fiorentino che, alla sua morte, le ha donate alla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Alla straordinaria iniziativa del 14 febbraio hanno preso parte avventori dell’ultimo minuto, che si sono aggiunti all’elenco dei visitatori già in lista (la prenotazione era obbligatoria), ma anche persone che avevano già visitato gli spazi dedicati alla Collezione Marabottini e che hanno scelto di fare il bis approfondendo la conoscenza dei 14 dipinti che tratteggiano varie facce dell’amore, così come hanno immortalato questo sentimento universale i diversi autori delle opere. Tra quelle preferite

“Il Convito degli Dei alle nozze di Amore e Psiche” di Vincenzo Camuccini e “Il Ritratto di Nanna Risi” di Anselm Feuerbach, ma è il percorso nel suo insieme ad aver fatto innamorare chi lo ha visitato. Da una parte per il tema prescelto, l’amore appunto, dall’altro perché le opere sono state contestualizzate all’interno della variegata Collezione Marabottini, offrendo una visione complessiva del valore artistico ma anche dello spirito che anima la collezione stessa. La casa-museo è visitabile con ingresso libero fino al 31 marzo e visite guidate gratuite l’ultima domenica del mese.

La via dell’amore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*