Fontemaggiore è Centro di Produzione teatrale

Premio SCENARIO infanzia 2012

Buone notizie di fine stagione. Fontemaggiore, storica realtà teatrale perugina che lavora da anni sul territorio cittadino, regionale e nazionale nel settore del teatro ragazzi e del teatro contemporaneo, è stata riconosciuta come Centro di produzione dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Riconoscimento importante in quanto arriva a seguito di una riforma di tutto il settore che ha visto nuovi criteri di valutazione, sia qualitativi che quantitativi, sulla base di un progetto non più annuale ma triennale e una diminuzione del numero complessivo dei soggetti ammessi al contributo.

In realtà la storia di Fontemaggiore parte da molto lontano, ossia dal 1948 con il Piccolo Teatro della Fontemaggiore. Nel 1963 arriva il primo di una lunga serie di riconoscimenti da parte del Ministero: diventa infatti CUT, Centro Universitario Teatrale. Arriva poi il teatro in piazza, l’animazione e gli eventi teatrali di Giampiero Frondini degli anni settanta e ottanta. Nel 1977, col riconoscimento a Compagnia di Sperimentazione, si sceglie la strada del professionismo. Sono anche gli anni in cui si comincia a lavorare nel teatro ragazzi, lavoro che porterà a diventare, nel 1985, Centro stabile di produzione per l’infanzia e la gioventù e dal 1999 ad oggi Teatro Stabile di Innovazione.

E così cogliamo l’occasione per presentare ciò la cooperativa è oggi e fare un breve resoconto della stagione appena conclusa. Fontemaggiore organizza la rassegna regionale di teatro ragazzi in sette comuni della regione con spettacoli per le scuole e per le famiglie per un totale, nella stagione 2014-2015, di 60 repliche e circa 8.000 presenze.
Gestiamo tre teatri comunali (il Teatro Brecht di Perugia, il Teatro Subasio di Spello e il Teatro Clitunno di Trevi) in cui organizziamo anche la stagione di teatro contemporaneo per un totale di 60 spettacoli e quasi 12.000 presenze. Siamo referenti di Comuni e altri Enti per la direzione artistica di manifestazioni estive ed eventi enogastronomici come Frantoi aperti.

Abbiamo un’importante scuola di teatro a Perugia, “Mutazioni”, che ogni anno vede circa 120 iscritti mentre insieme all’Associazione Italiana Persone Down abbiamo formato una compagnia teatrale dal nome Elisa Di Rivombrosa.

Siamo impegnati nel sostegno alle giovani compagnie della nostra regione con cui collaboriamo attivamente.
Con la nostra compagnia produciamo spettacoli, principalmente rivolti a bambini e ragazzi, che girano i teatri di tutta Italia per un totale, nella stagione appena conclusa, di 70 repliche in regione e 80 fuori regione.

Insomma tanta passione, esperienza e professionalità ma anche tante difficoltà. La crisi che attraversa tutti gli ambiti della nostra società ha colpito fortemente il lavoro di questa storica realtà e la possibilità di fare impresa, oltre che arte.

Questo (ri)riconoscimento, a distanza di 30 anni, segna l’inizio di una nuova avventura con nuove opportunità. In Italia sono solo 24 i Centri di Produzione e Fontemaggiore fa parte di queste eccellenze grazie al lavoro svolto a livello nazionale e regionale. Confidiamo che anche gli Enti Territoriali riconoscano e sostengano questa realtà e il progetto triennale che il Ministero ha valutato così positivamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*