Primi d'Italia

FESTIVAL PIANISTICO DI SPOLETO – CONCERTO FINALE

UMBRIA ENSEMBLE(UJ.com3.0) SPOLETO – Gran Finale per la XVII edizione del Festival Pianistico di Spoleto domani, Domenica 19 Maggio, con due imperdibili appuntamenti al Complesso monumentale di San Nicolò. Alle ore 11.30 i migliori allievi della Masterclass tenuta da Aquiles Delle Vigne si esibiranno in un Concerto Aperitivo mentre alle ore 18, con dedica al Maestro Gian Carlo Menotti e in collaborazione con la Fondazione Monini, verrà eseguito il Concerto per pianoforte e orchestra in la minore di Edvard Grieg, uno dei brani del repertorio romantico più appassionati di tutti i tempi. La versione per pianoforte e quintetto d’archi è stata realizzata su apposita commissione per il Festival Pianistico di Spoleto dal Maestro Francesco Parini e verrà eseguita in prima assoluta. A curare la realizzazione della parte del quintetto d’archi, sarà una delle migliori formazioni cameristiche del panorama nazionale: l’Umbria Ensemble. Al pianoforte si esibirà Laura Magnani. Il Festival Pianistico di Spoleto, con questo particolare evento intende inaugurare un laboratorio sperimentale: in cantiere ci sono già i concerti di Mozart, i concerti numero tre, quattro e cinque di Beethoven, il concerto di Schumann, il secondo concerto di Rachmaninov ed altri.

Laura Magnani fondatrice con il maestro Egidio Flamini del Festival Pianistico di Spoleto, è nata a Spoleto. Artista di livello internazionale, nel 1992 ha conseguito il Diploma di Alto Perfezionamento in pianoforte presso l'”Accademia Nazionale di Santa Cecilia” in Roma, sotto la guida di Sergio Perticaroli. E’ stata allieva del russo Boris Petrushanskij e dell’argentino Aquiles Delle Vigne. Più volte invitata da Gian Carlo Menotti a prendere parte al “Festival dei Due Mondi”, ha sviluppato con lui un’amichevole relazione artistica che l’ha portata nel 1997 a curare e interpretare la Prima Esecuzione Italiana dell’opera “Chip and his dog”, sotto la regia dell’autore. Laura Magnani è anche Faculty Member dell’Accademia americana “Spoleto Study Abroad” nell’ambito della quale insegna pianoforte e musica da camera dal 1999.

Umbria Ensemble è una formazione di solisti di chiara fama e cameristi di alto spessore artistico che possono vantare ciascuno esperienze e riconoscimenti considerevoli anche in ambiti linguistici trasversali ed innovativi: questo è “UmbriAEnsemble”, la cui blasonata e solida formazione classica ha rappresentato il necessario abbrivio per una ricerca artistica consapevole ed aperta agli stili ed alle evoluzioni del linguaggio musicale colto. Dal romanticismo alle avanguardie storiche – fucina di talenti approdati ai generi musicali più diversi – fino alle più recenti espressioni della Musica di oggi, l’approccio di repertorio ed interpretativo di “UmbriAEnsemble” è caratterizzato da un vitale dinamismo che li porta a confrontarsi e a produrre concerti e spettacoli anche in collaborazione con le più interessanti realtà artistiche (Teatro, Cinema, Danza) umbre, nella convinzione che i confini tra Arti e linguaggi siano puramente accademici. I presupposti imprescindibili e caratterizzanti l’attività dell’ensemble sono infatti il parametro qualitativo sempre ineccepibile ed il confronto aperto e mai pregiudiziale con nuove proposte artistiche e culturali. I musicisti di “UmbriAEnsemble”, già prime parti dell’Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, del Teatro Comunale di Bologna, dell’Orchestra Sinfonica di Perugia, Dell’Orchestra RAI di Roma, etc… hanno definito, quale loro punto d’orgoglio, la proposta critica di pagine rare di grandi compositori del passato e – principalmente – la produzione di Opere Prime nate dalla sinergia tra le migliori energie intellettuali ed artistiche attive sul territorio nazionale e destinate sia ad essere presentate nell’ambito dei grandi eventi nazionali che ad essere esportate in prestigiose vetrine internazionali come punta di diamante della attuale produzione artistica, con l’obiettivo – non certo secondario – di accendere un virtuoso e fertile circuito intellettuale e produttivo.

Il Festival Pianistico di Spoleto, dal 15 al 19 Maggio 2013 ha proposto tredici eccezionali appuntamenti con la partecipazione di eccellenti musicisti come Maurizio Mastrini, Laura Magnani, Egidio Flamini, Marco Schiavoni, l’Umbria Ensemble e tanti straordinari giovani artisti.
Oltre ai musicisti, la manifestazione ha coinvolto quest’anno danzatori, attori, fotografi, stilisti, architetti anche se, come sempre, tutto è ruotato attorno allo strumento protagonista: il pianoforte.

La kermesse è organizzata dalla Musici Artis Umbria in collaborazione con il Comune di Spoleto, la Regione dell’Umbria, la Fondazione “Francesca, Valentina e Luigi Antonini”, la Fondazione Carispo, Monini e Maran. Importante per l’edizione 2013 la collaborazione con Casa Menotti, dimora spoletina del compositore e fondatore del Festival dei Due Mondi affacciata su Piazza del Duomo: in questa storica e affascinante residenza, gli artisti prepareranno i loro concerti e saranno ospitati nei momenti di pausa.

Nel cartellone da venerdì 17 al 19 maggio ha debuttato anche la Spoleto Beethoven Piano Master, iniziativa di carattere internazionale realizzata in collaborazione con la Musici Artis Bruxelles e con il grande Maestro argentino Aquiles Delle Vigne che quest’anno ha scelto Spoleto ed il suo Festival Pianistico per fondare un corso di alto perfezionamento allo scopo di perpetuare la tradizione dei più grandi interpreti di Beethoven, come Claudio Arrau, Wilhelm Kempff e Eduardo del Pueyo.

MOSTRE
C’è ancora tempo fino a domani, domenica 19 maggio, per visitare “Progettare l’altezza del cielo” è il titolo della mostra allestita nella galleria superiore del Chiostro di San Nicolò, con immagini visionarie realizzate dall’architetto Fabio Fabiani su una Spoleto del futuro. Fabio Fabiani è anche l’autore del manifesto della edizione 2013 del Festival Pianistico di Spoleto.
Un’altra mostra Portrait In Tune del fotografo Luca Pasquale è invece collegata all’evento Heart&Earth, musiche dalla mia Umbria con una serie di scatti in cui gli scenari dell’Umbria protagonisti nelle musiche di Egidio Flamini si fondono con il soggetto ritratto dal fotografo perugino. “Una tastiera di seta” è infine il titolo della mostra della stilista Marina Panait con abiti ispirati al pianoforte.

Gli eventi del Festival saranno trasmessi in differita sul web nelle settimane seguenti, tramite la TV del Festival Pianistico di Spoleto, raggiungibile sul sito: http://www.festivalpianisticodispoleto.it/festivalpianisticotv.html.
Infine, sempre sul sito web del Festival Pianistico di Spoleto è attiva una promozione che permette attraverso l’iscrizione alla newsletter di avere biglietti ad un prezzo molto speciale per il Concerto Finale Gian Carlo Menotti.

La Musici Artis Umbria, con sede a Spoleto, si colloca nell’ambito del circuito internazionale Musici Artis e ne condivide gli scopi e gli ideali, pur mantenendo la sua autonomia organizzativa ed operativa. Sua attività istituzionale è il Festival Pianistico di Spoleto, manifestazione concertistica che si prefigge, come scopo, la diffusione del grande repertorio pianistico e di musica da camera con pianoforte.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*