Festival dei 2 Mondi, Ilaria Dallatana agli Incontri di Paolo Mieli

A Spoleto il direttore della rete scopre le carte per la prossima stagione

Ilaria Dallatana agli Incontri di Paolo Mieli.

Ilaria Dallatana agli Incontri di Paolo Mieli. Una rete tutta nuova per sperimentare format mai visti in Italia, alla ricerca di un pubblico perduto e fuori dagli schemi precostituiti. Ilaria Dallatana, da poco alla guida di Rai Due, ha svelato i suoi progetti a Spoleto nell’ambito degli Incontri di Paolo Mieli, la rassegna targata Hdrà che il celebre giornalista sta conducendo al Festival dei 2Mondi. “I giovanissimi – spiega la Dallatana, un passato in Mediaset e Magnolia – ormai vedono la tv molto poco, è un pubblico quasi perso. Ma noi non ci arrendiamo. È importante interagire molto con il mondo social. Per Pechino Express abbiamo in testa il benchmark di X Factor, forse non ci arriveremo mai, ma proviamo ad avvicinarci”.

Format originali e internazionali, spesso coraggiosi. “Faremo un programma di quattro puntate sul bullismo, ispirato a un’idea sviluppata in Olanda, che darà alle vittime la possibilità di mostrare la loro situazione attraverso delle telecamerine piazzate nello zainetto che danno l’idea delle atmosfere pesanti, non necessariamente violente, che chi è vittima respira. Altro programma è ‘Il collegio’, un format nato in Inghilterra, in cui 18-20 ragazzi giovanissimi saranno chiusi per 4 settimane a studiare e vivere come si faceva cinquant’anni fa, approfondendo le materie che erano in vigore nell’esame di terza media del 1960. Bisogna avere creatività anche per adattare format esistenti. Un grande cambiamento nello stile di Rai Due”.

Le prime spine per Ilaria Dallatana sono state legate all’addio di Nicola Porro. “Ma io non ho mai voluto farlo fuori. Ho considerato che lui fosse un valore e gli ho proposto un altro programma. Non rifaremo Virus, ma una nuova produzione, ‘Nemo – nessuno escluso”, che metterà insieme una serie di inviati ‘invisibili’ che faranno reportage su temi importanti, ma anche più leggeri, come l’idea di mandare due ragazzi youtuber dentro una casa di riposo per anziani e vedere che succede nell’incontro”. A quando un bilancio del nuovo corso? “Valuteremo nei prossimi due anni la capacità di attrazione che la nuova Rai Due avrà saputo esercitare. Allora potremo fare i bilanci”.

Gli Incontri di Paolo Mieli, il format targato Hdrà che vede il grande giornalista confrontarsi faccia a faccia con i protagonisti del nostro tempo, proseguiranno fino al 10 luglio. Dopo Ilaria Dallatana sarà la volta di Vincenzo Boccia, neopresidente di Confindustria, e Pierluigi Battista, giornalista e scrittore. Nella terza settimana di fronte a Paolo Mieli siederanno il ministro dell’Interno Angelino Alfano, Paolo Agnelli, presidente di Confimi Industria, Catia Tomasetti, presidente di Acea, e l’attrice Francesca Reggiani. La rassegna, ospitata nella Sala dei Vescovi del Museo Diocesano (Chiesa di Sant’Eufemia), è un format di Hdrà a cura di Maria Carolina Terzi, Maddalena Maggi e Paolo Giaccio. Tutti gli incontri sono in streaming sul sito di Rai Cultura http://www.cultura.rai.it/ e sono fruibili sul web e sui principali social network.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*