Gli Incontri di Paolo Mieli a Spoleto, un’edizione da record

Sala sempre gremita e social impazziti per il format pensato da Hdrà

Gli Incontri di Paolo Mieli a Spoleto, un’edizione da record

Gli Incontri di Paolo Mieli a Spoleto, un’edizione da record Oltre 3.000 presenze nell’arco dei tre fine settimana del Festival dei 2Mondi, al primo posto nei trend topics di Twitter in ogni week end, 180mila persone raggiunte sul canale Facebook con oltre 2.200 reazioni e un seguito costante nelle dirette streaming realizzate da Rai Cultura. Sono questi i numeri con cui si conclude l’edizione 2016 degli Incontri di Paolo Mieli, il ciclo di conversazioni concepito e organizzato da Hdrà che vede il celebre giornalista confrontarsi faccia a faccia con i protagonisti del nostro tempo e che nel corso degli anni è diventato un momento centrale del Festival spoletino, con un’eco crescente sulla stampa e sull’opinione pubblica nazionale. La performance eccezionale dell’hashtag #mielincontra consacra la rassegna come la parte più social dell’intera manifestazione. Gli Incontri di Paolo Mieli, nati da una felice intuizione di Mauro Luchetti, presidente di Hdrà, sono un format a cura di Maria Carolina Terzi, Maddalena Maggi e Paolo Giaccio.

Sono stati molti i momenti intensi nel corso delle 14 conversazioni, che hanno regolarmente fatto segnare picchi di seguito e di condivisione nei social: dall’intervista a tutto campo al vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, fresco reduce dall’affermazione del Movimento 5 Stelle alle amministrative e “investito” da Paolo Mieli del ruolo di probabile futuro Presidente del Consiglio, al confronto serrato con Edoardo Albinati, pochi giorni prima del trionfo al Premio Strega del suo “La scuola cattolica”, per arrivare al grande e inatteso ritorno a Spoleto del direttore generale della Rai, Antonio Campo Dall’Orto, per il quale nel 2014 proprio Mieli a Spoleto aveva previsto un imminente futuro al vertice del servizio pubblico radiotelevisivo. A chiudere questa quinta edizione è stata la simpatia travolgente di Francesca Reggiani, ma le sale del Museo Diocesano di Spoleto si sono riempite in queste settimane anche per altri protagonisti dell’informazione, della cultura e dell’intrattenimento, come Lilli Gruber, Cesare Cremonini, Marco Giallini, Domenico Procacci, Ilaria Dallatana e Pierluigi Battista. Tra i protagonisti della politica e dell’economia, oltre a Di Maio, sono stati ospiti di Paolo Mieli il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, il presidente di Confimi Industria, Paolo Agnelli, e la presidente di Acea, Catia Tomasetti.

HDRÀ Si scrive Hdrà, si legge Accadrà. Un gruppo di comunicazione integrata tutto italiano, guidato da Mauro Luchetti, insieme a Benedetta Rizzo, Marco Forlani, Paola Mostile e Gian Luca Comandini, che fa della contaminazione tra le sue anime un concreto punto di forza per offrire a ogni cliente una strategia tailor made. Quattro le business unit che compongono il gruppo: Aleteia per la comunicazione ATL e BTL, Consenso per le relazioni istituzionali e le media relations, Medita per la comunicazione social e Overseas per l’organizzazione di eventi. Hdrà ha partecipato al Festival dei 2Mondi per il quinto anno consecutivo con un proprio format nella programmazione ufficiale di Spoleto59. Per la prima volta, inoltre, Hdrà ha prodotto uno spettacolo teatrale, “Volario”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*