Festa delle Campane e del dialetto Perugino a Civitella d’Arna

Festa delle Campane e del dialetto Perugino a Civitella d'Arna
CIVITELLA D'ARNA

Festa delle Campane e del dialetto Perugino a Civitella d’Arna. Presentazione della “Festa delle Campane e del dialetto Perugino” in programma mercoledì 19 agosto alle ore 11 in piazza IV novembre a Perugia. La Proarna, ormai da qualche anno, presenta in corso Vannucci a Perugia, la “Festa delle Campane e del Dialetto Perugino” in programma a Civitella d’Arna dal 21 al 30 agosto 2015, con una sfilata in costume composta da circa 40 figuranti, accompagnati dal calesse ed un cavallo con a bordo il conte Giustiniano Degli Azzi e la signora Giulia, all’epoca proprietari del castello di Civitella, che rappresentano uno spaccato di vita contadina di metà ottocento che viene riproposta nell’ambito della festa. Il corteo sfilerà da piazza Italia fino a piazza IV Novembre, dove dinanzi alla fontana maggiore verrà presentata la manifestazione. Saranno presenti rappresentanti dell’amministrazione comunale, Giuseppe Tufo, storico e regista della rievocazione, Maura la Cava, Antonello Fioroni presidente Proarna e Lamberto Salvatori vice presidente.

La data che abbiamo individuato è mercoledì 19 agosto alle ore 10.30 muovendo da Piazza Italia fino a piazza IV novembre dove alle ore 11 sarà presentata la manifestazione. Confidando nel vostro interessamento e nella vostra presenza, che contribuisce a dare risalto all’iniziativa, porgo cordiali saluti.

Breve nota sulla festa: La festa delle Campane e del Dialetto Perugino, in programma nell’ultima decade di agosto nel piccolo borgo di Civitella d’Arna, che la Proarna organizza dal 2000, prende spunto dal diario parrocchiale di don Francesco Baldelli, (parroco della parrocchia dal 1846 al 1898) e ripropone uno spaccato di vita di metà ottocento, quando a Civitella vennero fuse 13 campane ad opera dei fonditori Sini di Aquapendente di Viterbo. Nei giorni della festa, Civitella d’Arna torna indietro nel tempo e ripresenta momenti legati al mondo contadino, con scene di vita quotidiana, mostra di arnesi, riproposta di lavori e sapori riferiti a quegli anni. La “Rievocazione Storica della fusione delle Campane” con la fusione di una vera campana, in programma domenica 30 agosto, serata finale della festa, alla quale partecipano oltre 50 tra attori e figuranti, conclude la manifestazione in modo suggestivo e con un pizzico di emozione.

Festa delle Campane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*