Vini nel mondo 2014, convegno “Vini Italiani di qualità e rilancio dei consumi”

VNM_2SPOLETO – Il punto autorevole della situazione, da parte di grandi esperti, su come sta cambiando il mondo dei vini, dalle tipologie di consumo alle nuove tendenze, per affrontare il mercato globale e portare un prodotto tradizionale dell’eccellenza italiana nel mondo.

L’evento, co-organizzato con l’Ambasciata della Repubblica di Croazia nella Repubblica Italiana e la Scuola di Specializzazione in Nutrizione Umana dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata sotto il patrocinio di Expo 2015, sarà l’occasione per l’anteprima del convegno “Eat Mediterrean, Make the Difference” (Roma, 24 giugno 2014).

Il convegno vuole fare il punto sui numeri, le potenzialità e le criticità di un comparto che in Italia vale oltre 12 miliardi di euro, impiega 1,2 milioni di addetti e nel 2013 ha superato i 5 miliardi di export, in crescita del 7,3% sull’anno precedente (dati Istat, Assoenologi ). L’export del vino, accreditato tra i principali prodotti del Made in Italy, continua a far registrare dati estremamente positivi in tutti i mercati del mondo.

Il 2013 – ad esempio – si è concluso con saldo positivo all’estero di oltre 5 miliardi: è avvenuto il cosiddetto “sorpasso”, cioè esportiamo più vino di quanto ne beviamo in Italia. Merito della vitalità delle nostre imprese. L’Italia del vino è il primo esportatore del mondo con una quota del 21% del mercato internazionale Vini nel mondo si conferma asset strategico per l’economia del vino. Anno dopo anno la kermesse spoletina che guarda all’estero contribuisce a posizionare a livello globale il Made in Italy, quale sinonimo di qualità ed eccellenza agroalimentare, obiettivo fondamentale anche di Expo 2015.

Sul tema ha sottolineato la Vice Presidente della Camera dei Deputati Marina Sereni: “Colgo l’occasione dell’inaugurazione per riconfermare l’impegno preso con l’organizzazione di Vini nel mondo per usare i contatti che abbiamo in Parlamento con i membri del governo e autorità per rafforzare questa manifestazione sia per gli abitanti di Spoleto sia per i tanti spoletini che poi hanno conquistato cariche importanti in Itali e nel mondo. Il territorio ha bisogno di questo tipo di visibilità”. “Manifestazioni come questa – ha sottolineato Riccardo Monti, Presidente dell’Agenzia ICE – consentono di far conoscere il vasto panorama dei nostri vini, che permette di soddisfare le esigenze del consumatore globale in termini di unicità ed emozioni.

Nel quadro generale dell’export vinicolo, lo spumante rappresenta il nostro prodotto di punta, registrando una crescita che sembra non avere ostacoli se non quelli imposti dalle superfici vitate”. In tal senso occorre migliorare l’efficacia del sistema-Paese in termini di promozione, superando l’attuale frammentazione degli investimenti. L’obiettivo deve essere quello di convogliare le risorse sulle nostre piattaforme di promozione, come Vini nel mondo, che sono il punto di riferimento, nazionale e internazionale, per la promozione del comparto italiano.

Ironico come sempre lo chef Vissani ha commentato durante il suo cooking show: “Pensavate potessi stare dietro ai fornelli e invece no, per essere chef bisogna essere leader, un po’ come in politica. Quelli della mia generazione – ha commentato Lo chef Gianfranco Vissani – avevano un sogno. I nomi in cucina erano nomi, anche anche a 70 anni non si era arrivati”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*