“Un giorno per la nostra città”, la bella giornata a Ponte Felcino

I Grifoni a favore dell’Integrazione sociale con l’associazione “Intrecciamo i Fili” e i ragazzi della scuola media Bonazzi-Lilli di Ponte Felcino –  di Simona Cortona

Si è concluso oggi il progetto della Lega Calcio Serie B “Un giorno per la nostra città”, realizzato in collaborazione con l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e con il patrocinio di AIC (Associazione Italiana Calciatori) e AIAC (Associazione Italiana Allenatori Calcio) che prevede che ognuna delle 22 Società dedichi un giorno al mese alla propria città, volta a rafforzare i legami tra le Società di calcio ed il tessuto sociale.

Il tema dell’ultima giornata che si è svolta oggi (mercoledì 11 marzo) era rivolto all’integrazione sociale. Il Comune di Perugia, attraverso gli Assessori Edi Cicchi (Servizi Sociali, Pari opportunità, Famiglia, Edilizia Pubblica) e Emanuele Prisco (Sport, Urbanistica, Edilizia privata), il Perugia Calcio, l’associazione “Intrecciamo i Fili”, la Scuola Secondaria di 1′ grado “Bonazzi – Lilli”, e l’ANCI Umbria (con la preziosa collaborazione del dott. Stefano Magnabosco), hanno organizzato presso i locali della scuola di Ponte Felcino (Via della Trota 12) una interessante iniziativa.

I grifoni sono arrivati intorno alle 10, accolti nell’Auditorium adiacente la scuola intonando l’Inno del Perugia Calcio. In seguito hanno cantato prima l’inno della scuola, e per concludere in bellezza, hanno cantato tutti i ragazzi l’Inno di Mameli. (Il link al video qui di seguito: https://www.facebook.com/video.php?v=1035787976450523&set=vb.929935083702480&type=2&theater )

Dopo la foto sul piazzale della scuola, i ragazzi sono stati divisi in gruppi e, insieme ai giocatori ed allo staff tecnico, hanno fatto diverse attività: alcuni una partita di tchoukball, altri hanno realizzato uno striscione con scritto “Giocare insieme è la vittoria più bella” , ed un altro gruppo ha intrecciato dei braccialetti nel “Laboratorio dei Mestieri”, ovviamente con i colori bianchi e rossi della squadra, insieme all’associazione “Intrecciamo i Fili”, da anni impegnata con i ragazzi nelle attività integrative scolastiche anche grazie al recupero dei vecchi telai presenti nel lanificio.

“L’Associazione Intrecciamo i Fili – puntualizza l’Assessore Edi Cicchi – è stata invitata a partecipare con il suo prezioso contributo in un luogo, come la scuola, dove conoscenza e formazione delle coscienze avviene fin dai primi anni. Dobbiamo riconoscere alle associazioni presenti nel territorio, come “Intrecciamo i Fili”, il ruolo importante che svolgono: un’azione sussidiaria a favore dell’integrazione sociale, necessaria per una civile convivenza nel rispetto delle regole del nostro Paese. Per fare integrazione, pur non perdendo la propria cultura, è necessario accogliere l’altro e mettere insieme le diverse realtà. Un doveroso ringraziamento per la collaborazione – coclude l’Assessore Cicchi – va alla Scuola Bonazzi-Lilli di Ponte Felcino, ed in modo particolare alla Dirigente Scolastica Marta Boriosi, per aver aderito subito con entusiasmo alla giornata di domani.”

“Questa scuola rispecchia un po’ una squadra di calcio – ha dichiarato il Mister Camplone – Si può vivere sicuramente in sintonia”. Il portiere del Perugia Jan Koprivec ha evidenziato come “Perugia accoglie bene gli stranieri e gli da la possibilità di giocarsela alla pari”. “Viviamo tutti i giorni con molte persone di paesi diversi – ha dichiarato il D.G. del Perugia Calcio Mauro Lucarini – e da loro dobbiamo prendere, come loro devono prendere da noi”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*