Street Food Festival 2017 è #PerugiaStreetFoodStories dal cibo di strada alla “street culture”

La kermesse dedicata al cibo di strada, organizzata da Francesco D'Arcangelo e con il patrocinio del Comune di Perugia, ritorna carica di novità e di nuovi obiettivi.

Dal 18 al 21 maggio torna la kermesse dello Street Food Festival ai Giardini del Frontone

Street Food Festival 2017 è #perugiastreetfoodstories dal cibo di strada alla “street culture”

Torna a Perugia per la sua terza edizione lo Street Food Festival: dal 18 al 21 maggio ai Giardini del Frontone.

La kermesse dedicata al cibo di strada, organizzata da Francesco D’Arcangelo e con il patrocinio del Comune di Perugia, ritorna carica di novità e di nuovi obiettivi:

raccontare storie di città, di quella “street culture” che fa parte di ognuno di noi, nel segno della condivisione –ha spiegato lo stesso D’Arcangelo- Dalla musica ai contest fotografici, dalla tradizione culinaria ai giochi per i più piccoli, dal fitness all’arte per quattro giorni dedicati al divertimento, alla riscoperta di uno dei luoghi più amati della città e naturalmente alle specialità di diversi paesi del mondo e regioni italiane.”

“Ricordo ancora –ha sottolineato l’Assessore Cristiana Casaioli nel corso della conferenza stampa di presentazione, tenutasi questa mattina a Palazzo dei Priori- quando tre anni fa mi fu presentato il progetto della manifestazione. Allora avevo tanta curiosità e credevo in questo festival. Individuammo nei Giardini del Frontone la sede ideale, che si è dimostrata quella giusta. Questi tre anni hanno confermato la validità dello Street Food Festival, che quest’anno punta a valorizzare ancora di più la città e le sue peculiarità, a partire dalla cultura di strada.”

L’assessore Casaioli ha, quindi, confermato che da giugno inizieranno i lavori di riqualificazione del Frontone, grazie ai fondi raccolti con Art Bonus e ha annunciato che, anche durante lo Street Food Festival proseguirà la raccolta fondi avviata con l’Umbria si rimette in moto per contribuire alla costruzione di un centro polivalente a Norcia. “Sabato mattina –ha anticipato- insieme ad un gruppo di motociclisti del Comitato Perugia di UmbriaMoto e del Motoclub Fabio Celaia, partiremo da Piazza IV Novembre per andare a Norcia a consegnare questa prima tranche raccolta.”

Il Motoclub è, peraltro, partner dello Street Food Festival, durante il quale organizzerà lezioni di guida sicura per bambini e una gara di lentezza per sensibilizzare alla sicurezza sulle due ruote, ma anche all’opportunità di godersi le bellezze del territorio.

Tra le novità di questa terza edizione dello Street Food Festival, tanti nuovi operatori provenienti da Emilia Romagna, Sicilia, Basilicata, Abruzzo, Toscana, Puglia, Molise e Sardegna, infatti, insieme a rappresentanti di Spagna, Messico e Argentina, accoglieranno il pubblico dello Street Food Festival per far assaggiare i loro piatti e la loro cultura, in un mix di profumi, odori e sapori irresistibile.

Buon cibo, allora, ma non solo.

Le storie non vivono solo nei libri e nei film, fanno parte della nostra quotidianità anche se spesso non le vediamo. Eppure sono lì, esistono sul volto delle persone che ci circondano, popolano le strade delle nostre città, si nascondono nei dettagli trascurati aspettando di rivelarsi”. Lo Street Food Festival, infatti, le vuole scoprire e far conoscere i protagonisti che usano la città, che la vivono e la condividono ogni giorno. Lo Street Food vuole allora attivare un dialogo tra “la storia” e le nostre vite, uno straordinario “device” di socialità: chiunque si confronti con una storia ne porterà con sé il valore e non potrà che raccontarla ad altri.

Ed ecco quindi l’operatore del cibo che vive sulla strada, che racconta la sua esperienza di vita nel cibo che prepara, che porta con sé le tradizioni ma anche le innovazioni di uno Street Food che cambia continuamente.

Ecco il writer che usa la strada e la città per raccontare le sue storie. Dalla swinging London alla New York underground, passando dalla Berlino punkabestia alla Tokyo manga, è nata qui la Street Culture, in questi luoghi di propagazione di una cultura che parte dalla strada e dai giovani e si realizza nello scambio diretto fra ambienti che si identificano in primo luogo nell’età anagrafica.

Ecco il motociclista che, citando le parole di Roberto Crepaldi, appassionato motociclista per eccellenza, dice: “La psicologia del motociclista è piuttosto contorta. Il motociclista è un esibizionista, edonista, individualista, un po’ eccentrico. E quindi la moto diventa la sua esternazione di personalità e carattere, diventa il prolungamento del suo cervello”. E allo Street Food Festival di Perugia dovrà usarlo per raccontare la sua storia e confrontarsi non con la velocità ma con il concetto di lentezza.

E c’è anche il musicista, tutt’altro che sesso, droga e rock n’ roll. Si immaginano così le storie di vita sulla strada di una band ma la realtà è assolutamente diversa, fatta di prove e di confronto continuo con la “piazza”, per condividere con il pubblico la loro musica e le loro passioni.

Ed ecco, infine, il fotografo che racconterà la sua storia di città (in bianco e nero o a colori) nel live contest “STREETaGRAM” sui canali social usando l’hashtag #PerugiaStreetFoodStories e menzionando i canali social del Festival: Instagram @Streetfoodperugia, Facebook @Streetfoodperugia e Twitter @stfoodontheroad. Una fotografia non racconta mai una sola storia, una fotografia è una sintesi di tante vite che si incontrano e si incrociano alla ricerca dell’emozione giusta, dello scatto giusto.

Su tutto questo il cibo di strada sarà il “mood”che permetterà l’incontro, lo sharing, il way of life di una città e di una “street culture” diventata sempre vita vera. Il cibo di strada si mangia assieme agli amici, per strada, in città ed è il solo che permette di instaurare un contatto diretto sia con chi lo prepara che con colui che lo sperimenta. In un filo rosso che parte da lontano. Già ad Atene o nei porti dell’antico Egitto, gustose pietanze di pesce fritto, spiedi di carne o zuppe di fave venivano serviti al popolo in strada; la stessa tradizione continuò ai tempi dell’Impero Romano: nelle vecchie tabernae dell’antica Pompei, a bordo strada, si consumavano già pane, frittelle e salsicce e si beveva vino caldo. Ma arriviamo ai giorni nostri ed ecco la riscoperta del cuoppo di Napoli, degli arrosticini de l’Aquila, della farinata di Genova, del pane e panelle di Palermo, delle seadas di Cagliari, del lampredotto di Firenze.

E arrivando alle novità dello Street Food Festival, ecco che a Perugia arriveranno nuovi operatori nazionali ed internazionali ognuno unico, ognuno diverso ma tutti accumunati dallo stesso spirito gioioso e dalla voglia di stare in compagnia assaporando il gusto unico delle migliori delizie di strada. Si potranno assaggiare alcune novità internazionali ma anche le zeppole di pasta cresciuta, hamburger, il porceddu sardo, la stigghiola siciliana, il caciocavallo impiccato, la pampanella molisana, il culatello di zibello, la paella, l’asado argentino, il tacos e il burrito messicano, i fagioli neri, gli arrosticini, il pane c’meusa, le bombette e molto altro.

 

EVENTI STREET

STREETa GRAM

Contest fotografico (18-21 maggio) su come interpretare la realtà della strada, in collaborazione in collaborazione con Fratticioli photo e promosso promosso sui canali social dello #StreetFoodFestival Perugia, Instagram @Streetfoodperugia, Facebook @Streetfoodperugia e Twitter @stfoodontheroad, usando l’hashtag #perugiastreetfoodstories per raccontare la tua storia di città, del cibo e della tua street culture durante i giorni del Festival ai Giardini del Frontone.

Il contest è aperto a tutti e la fotografia candidata non deve essere già stata oggetto di premiazioni in altri concorsi di carattere nazionale e non deve in alcun modo ledere alcun diritto di terzi né violare le leggi vigenti. In ogni caso l’autore manleva il Festival da tutte le responsabilità, costi e oneri di qualsivoglia natura che dovessero essere sostenuti a causa del contenuto della fotografia.

Modalità di partecipazione

  1. La partecipazione è del tutto gratuita;
  2. La candidatura della fotografia dovrà avvenire attraverso i canali social dello Street Food Festival: Instagram @Streetfoodperugia, Facebook @Streetfoodperugia e Twitter @stfoodontheroad dal 18 al 21 maggio 2017 usando l’hasthag #perugiastreetfoodstories e menzionando @streetfoodperugia. Farà fede la data di caricamento della foto. Il contest terminerà alle 22 di domenica 21 maggio e la premiazione dei tre vincitori, scelti da Giulio Fratticioli, avverrà la sera stessa sul palco dei Giardini del Frontone.
  3. Ogni partecipante può candidare piu fotografie durante il concorso;
  4. Il partecipante concede allo Street Food Festival Perugia una licenza d’uso completa, non esclusiva, irrevocabile e a tempo indeterminato della fotografia inviata. Il nome dell’autore verrà in ogni caso sempre indicato.

Ogni partecipante autorizza lo Street Food Festival Perugia al trattamento dei dati personali ai sensi della Legge 196/2003 e successive modifiche, per tutti gli adempimenti e la promozione del concorso e del vincitore.

Caratteristiche tecniche delle fotografie

  • Saranno ammesse soltanto foto di risoluzione minima 1600×1200 pixel o 1200×1600 pixel in formato orizzontale o verticale e che non superino i 10 Mb;
  • Sono ammesse foto con scritte sovraimpresse, bordi o con altri tipi di addizioni o alterazioni.

Al primo classificato verrà consegnato un premio da ritirare presso un esercizio commerciale, al secondo e terzo classificato verrà consegnata un buono per festeggiare insieme allo Street Food Festival e un simpatico gadget.

 

STREET ART

“Writers in città”, sabato 20 maggio dalle 15 alle 19, con i writer Andrea Cesarini, Paolo Legumi e Marco Piccardi che saranno al lavoro ai Giardini del Frontone in collaborazione con Centro Servizi Giovanili e il servizio Informagiovani del Comune di Perugia sul tema #PerugiaStreetStories. In programma anche domenica 21 maggio dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.00.

“Sfumature di città con l’aerografo”, sabato dalle 14 a mezzanotte e domenica dalle 10 a mezzanotte, con Simone Paiacci

 

STREET EDUCATIONAL RACE

“Mettilo sulla buona strada”, domenica 21 maggio dalle 16 alle 19, in collaborazione con l’Associazione motociclistica “MotoIncontro Fabio Celaia”, lezioni di guida sicura per bambini dai 6 ai 14 anni su motocicli e Pit Bike.

 

SLOW STREET RACE

“Gara di lentezza, vince chi va piano e arriva ultimo”, nell’ultimo tratto di Borgo XX Giugno, in collaborazione con l’Associazione motociclistica “MotoIncontro Fabio Celaia.

Sabato 20 maggio dalle 16 alle 20, le qualificazioni. Domenica 21 maggio, dalle 10 alle 12 finali

Regolamento della gara di lentezza:

  1. Percorrere il percorso di circa 10 metri nel più tempo possibile.
  2. La partecipazione all’evento è aperta a tutti i ciclomotori e motocicli (in regola con il codice della strada), a marce e non, purché siano a due ruote (non possono partecipare ciclomotori/motocicli a tre e/o quattro ruote, quad etc..). L’iscrizione gratuita si può effettuare per singoli motociclisti o per club.
  3. È vietato poggiare i piedi a terra.
  4. È vietato l’uso dei cavalletti e/o qualsiasi ausilio alla guida (ruote e rotelle).
  5. È vietato uscire dalla corsia.
  6. È obbligatorio l’uso del casco protettivo.

La non osservanza delle regole su menzionate porta alla squalifica alla gara.

Vince il concorrente che arriverà ultimo in sfide a coppie.

I premi saranno così suddivisi:

Verranno premiati i primi tre vincitori e la donna più lenta vincerà il premio “La Street Lumachina”.

 

STREET FITNESS

Ogni giorno sarà possibile provare e sfidare gli istruttori della Virgin Active di Perugia per un pomeriggio di fitness e wellness. In premio, giornate omaggio e gadget per tutti, grandi e piccini.

 

STREET BAND

Immancabile l’appuntamento con la musica, che è la vera anima della cultura street. Ogni sera sul palco del Frontone si alterneranno band pronte a far scatenare il pubblico dello Street Food: giovedì 18 ci sono gli Audio 5, venerdì 19 Antonio Ballarano live band, sabato 20 i Sex Mutants e domenica 21 i Cinquantini.

Per tutte le informazioni, www.streetfoodontheroad.it.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*