Strade vino e olio Umbria, Paolo Morbidoni è il nuovo presidente dell’associazione regionale

L'Associazione sarà presente a Vinitaly 2017 e sostiene l'evento ‘Umbria in Moto’

Strade vino e olio Umbria, Paolo Morbidoni è il nuovo presidente dell'associazione regionale

Strade vino e olio Umbria, Paolo Morbidoni è il nuovo presidente dell’associazione regionale PERUGIA –  Un nuovo presidente per il Coordinamento delle Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria. Venerdì 3 marzo l’Ufficio di presidenza del Coordinamento ha eletto Paolo Morbidoni come nuovo presidente dell’Associazione regionale a seguito delle dimissioni di Avelio Burini.

Una nuova partenza quindi per il Coordinamento con l’obiettivo di incrementare la conoscenza in Italia e all’estero dei prodotti e dei territori della regione più vocati, consapevoli di avere un pubblico sempre più ampio e attento alla qualità delle materie prime. L’olio extravergine di oliva DOP Umbria, due DOCG e tredici DOC sono le eccellenze da sostenere e promuovere per rendere l’Umbria sempre più competitiva e attrattiva nel mercato del turismo enogastronomico. Come sottolineato da tutti i presenti, l’obiettivo nel medio periodo è ripartire dalle ricche esperienze maturate dal Coordinamento e dalle singole Strade per costruire un nuovo programma di attività che punti sulla sostenibilità ambientale, sulla qualità dell’offerta turistica e sull’unicità dei prodotti dell’Umbria.

“Le migliori cantine e frantoi dell’Umbria, insieme a piccoli territori di eccellenza, custodiscono un tesoro dal valore inestimabile che deve essere raccontato e riscoperto ogni giorno – ha dichiarato il neo presidente Paolo Morbidoni – e per questo confidiamo che in un momento difficile come quello che stiamo attraversando si dia nuova voce a questo prezioso partenariato pubblico-privato che ha creduto in tempi non sospetti nel valore della aggregazione e della progettazione comune”. L’Associazione sarà presente a Vinitaly 2017 e sostiene l’evento ‘Umbria in Moto’ del 25 e 26 marzo con la ferma volontà di far ripartire l’economia e il turismo nel nostro territorio.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*