Solomeo, festa Rinascimentale dal dal 22 al 31 luglio

Tutte le sere, quindi, spettacoli, mercati di arti e mestieri, musica in piazza e l’immancabile buona cucina umbra

Solomeo, festa Rinascimentale dal dal 22 al 31 luglio. “L’ultima decade di luglio il piccolo borgo torna indietro nel tempo: menestrelli, giocolieri e giullari vi aspettano per degustare i piatti tipici della cucina umbra serviti con dovizia e cura nei particolari da osti e locandiere: un’epoca fiera e gloriosa che rivive in genuini gesti quotidiani e nella schietta ospitalità di una delle gemme del territorio in una festa intrisa di valori autenticamente popolari”.

Siamo a Solomeo, borgo del Comune di Corciano incastonato nelle dolci colline lungo il torrente Caina, a pochi passi da Perugia dove dal 22 al 31 luglio prossimi si svolge una delle feste più caratteristiche del panorama umbro. Le mura dell’antico Castello, illuminate da centinaia di fiaccole, fanno da cornice ad una atmosfera tipicamente conviviale dove menestrelli giocolieri e giullari accompagnano l’ora della cena. Sarete poi trasportati fino a tarda notte con i tanti gruppi musicali che si avvicenderanno nella splendida Piazza del sopramuro.

“Solomeo, festa Rinascimentale” è un festival di iniziative, buona musica, intrattenimenti di qualità e ottima cucina. Un rito che si rinnova , una sana pratica del buon vivere che ripropone giochi, canti e le più diverse forme d’arte che contraddistinguono la cultura locale. Il Rinascimento viene inteso come riscoperta di una fra le epoche storiche più interessanti e suggestive ma anche come momento di riflessione rispetto all’oggi che vuole e persegue una nuova rinascita spirituale, intellettuale, politica e valoriale. La festa è frutto dello sforzo organizzativo svolto con passione dai membri della Società Filarmonica e dall’intero paese di Solomeo che hanno fatto della promozione della propria realtà e del territorio circostante la costante del loro intenso lavoro.

Tutte le sere, quindi, spettacoli, mercati di arti e mestieri, musica in piazza e l’immancabile buona cucina umbra con l’Antica Taverna aperta dalle ore 19,30.

Da segnalare per l’edizione 2016:

• Mostra di arti e mestieri proposti tutti i giorni della manifestazione.

• Da venerdì 22 luglio a domenica 24 luglio Banco del Pane dell’associazione La Corte .

Tipici mercati dell’epoca allietati da maghi, giullari, mangiafuoco, saltimbanco e falconieri si snoderanno lungo le vie del paese. Da contorno antichi mestieri frutto della sapienza e manualità di sopraffini artigiani.

Nelle altre serate, spettacoli di luci e fuochi con la compagnia dei Folli, la compagnia dei Ciarlatani e Circateatro, Marco Cardona nel fachiro mangia spade e la focoleria del Dargo Bianco. I giullari del Diavolo, I giullari dell’Allegra Brigata, Messer Lurinetto e l’immancabile Giullar Cortese. Concerti dei Nuova Alta, Harmonie Traverse e Musica Officinalis. Per i più piccoli Toma con la sua Arca di Noe e le marionette di Zanubrio.

Impossibile rinunciare ad una visita alla “Domus delitiae”, uno spazio per il dopo cena dove potrete ascoltare buona musica e degustare dolci, vini e distillati in assoluta tranquillità o alla “Piazzetta del sopramuro” con musica per palati fini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*