Sellano, è nel vivo la 15esima Sagra della fojata e dell’attorta

I piatti protagonisti della 'Sagra della fojata e dell'attorta' a Sellano

Protagonisti due piatti tradizionali, uno salato e l’altro dolce, accompagnati da specialità umbre – Fino a lunedì 14 agosto in scena buon cibo, spettacoli con orchestra e musica per i giovani

(umbriajournal.com by Avi News) – SELLANO È nel vivo la 15esima edizione della Sagra della fojata e dell’attorta di Sellano che vede al centro della scena due piatti tipici del borgo situato nella Valnerina, la fojata e l’attorta appunto, il primo salato, farcito con verdure, uova e formaggio, l’altro dolce, fatto con pasta sfoglia, ripieno di mele, uva passa e frutta secca. Organizzata dalla Proloco di Sellano la festa andrà avanti fino a lunedì 14 agosto in località Santa Maria dei container e prevede, ogni sera, l’apertura degli stand gastronomici dalle 19.

Nel menù, ad accompagnare le due preparazioni principali, anche tanti piatti della tradizione locale come primi al cinghiale in bianco, al castrato, al tartufo e alla boscaiola. E tra i secondi grigliata mista di maiale, agnello scottadito, lumache al sugo e spezzatino di cinghiale in bianco. In programma, poi, serate danzanti con orchestra dalle 21.30 (il 10 agosto ‘Matteo Tassi’; l’11 ‘Mariaelisa Bernardini’; il 12 ‘Vincenzi’; il 13 ‘Roberto Carpineti’; il 14 agosto ‘Renzo Biondi’) e uno spazio giovani con dj set e musica dal vivo ogni sera dalle 22.30 (il 10 agosto ‘Starlight fluo party – revival 70/80/90 happy music con dj Gamma’; l’11 ‘Tequila party – Animazione tequila girls con dj Roby Rocca; il 12 agosto ‘Saturday night party con dj Marco Brunini Bvoice; il 13 ‘Speciale festa delle donne, animazione maschile Reggaeton con dj Roby Rocca; il 14 agosto ‘Closing Party in compagnia di Dream sound service party dj).

“La Sagra della fojata e dell’attorta – ha dichiarato il presidente della pro loco Marco Simoni – è ormai un evento consolidato nel territorio e rappresenta un’occasione importante di socialità per la nostra piccola comunità. Nonostante il terremoto che ha colpito le nostre zone ci siamo compattati ancora di più e abbiamo deciso di continuare con maggior determinazione a promuovere e valorizzare la cittadina in ambito turistico e culturale”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*