Scoppia polemica tra Canzone e musica d’Autore e Presidente Sirci

A rischio i grandi eventi a Perugia - nota Associazione Umbra della Canzone e della Musica d'Autore

Conflitto sulle date tra Canzone e musica d'Autore e partite volley, è polemica
Giorgia - foto di Mattia Luigi Nappi -

Scoppia polemica tra Canzone e musica d’Autore e Presidente Sirci
da Francesca Cecchini MEApress
PERUGIA – Chiamati in causa dalle polemiche che, senza alcun tipo di preventivo confronto, sono state sollevate dal presidente della Sir Volley, Sirci, relativamente alla coincidenza della data del concerto di Giorgia con un potenziale evento di pallavolo, cogliamo l’occasione per informare il pubblico della grave situazione che Perugia e l’intera regione Umbria vivono per ciò che concerne i grandi eventi musicali. (foto di Mattia Luigi Nappi)

Il Palasport Evangelisti è l’unica struttura a livello regionale in grado di ospitare i tour dei grandi artisti e l’impegno dell’Associazione Umbra della Canzone d’Autore è stato quello, negli anni, di portare a Perugia i più importanti nomi della scena musicale italiana. Soltanto negli ultimi due anni, grazie all’Associazione e a MEA Concerti (unica società umbra associata Assomusica), hanno fatto tappa a Perugia, tra gli altri, i concerti di Cesare Cremonini, dei Negramaro, di Max Pezzali, di Caparezza oltre alle quattro repliche di Notre Dame de Paris e altri ancora, con oltre trentamila spettatori in una sola stagione.

Rispetto alla data di Giorgia, è doveroso precisare che, al 31 agosto 2016 la MEA Concerti ha ricevuto ufficialmente (tramite PEC da parte del gestore del Palasport) la disponibilità dell’impianto nei giorni 11-12 aprile 2017 per allestire e produrre il concerto e che di ciò erano stati informati gli uffici comunali. Rimaniamo pertanto basiti che solo a dicembre, con l’inizio della vendita dei biglietti per il concerto, emerga il problema della coincidenza di date.

D’altro canto, per gli eventi di grande rilievo nazionale, come evidentemente l’Oro Nero Tour di Giorgia, la data viene fissata con circa un anno di anticipo.

Oltre alla data in questione – rispetto alla quale fortunatamente la Sir e gli organi federali della Pallavolo hanno tempo a disposizione per provvedere a stabilire un calendario compatibile – ciò che più ci preme portare all’attenzione della cittadinanza e delle istituzioni comunali e regionali è la grave condizione di indisponibilità, per tutti gli organizzatori di grandi eventi, del calendario del palasport per pianificare la produzione di uno spettacolo.

Come è noto il campionato di pallavolo si divide in “regular season” e “play off”. Se per la prima parte, che va da ottobre al 5 marzo, esistono margini molto limitati di pianificazione di un grande evento, risulta totalmente impossibile organizzare un concerto da marzo alla fine di maggio, proprio in quella parte dell’anno in cui si concentrano le grandi tournée, determinando un grave danno a tutto il settore dello spettacolo umbro, un minore indotto turistico oltre che una notevole riduzione dell’offerta culturale di grandi eventi.

L’impossibilità di fissare date sembrerebbe dipendere dalla struttura del calendario dei play off, che vengono pubblicati soltanto tre mesi prima della fine della “regular season” e che decidono il luogo di svolgimento di una partita a seconda del piazzamento in campionato da parte della squadra.

Tale situazione ha significato che per il 2017 Perugia ha perso la possibilità di ospitare tre grandi eventi da sold-out con nomi di grandissima risonanza nazionale. Ancora oggi stiamo cercando di portare un grande artista che con molta probabilità non potrà essere ospitato a causa del quadro descritto. L’assenza di spazio per i grandi eventi sta determinando il progressivo spostamento dei tour da Perugia verso le regioni limitrofe, con il rischio che lentamente altre città vadano a sostituire il capoluogo umbro nel ruolo che ricopre attualmente nella dinamica nazionale dei tour.

Evidentemente i successi della nostra squadra di pallavolo inducono a favorire un primato, del tutto legittimo, della funzionalità sportiva dell’impianto, ma è doveroso e fondamentale che il Comune e la Regione, che sta investendo cifre importanti per la ristrutturazione, abbiano a cuore le ragioni di tutti gli operatori e appassionati di musica, nonché l’importanza strategica di mantenere a Perugia i grandi eventi. 

Considerando, inoltre, che i concerti rappresentano, a detta del Comune, fonte imprescindibile per l’autofinanziamento del Palaevangelisti è evidente che tale situazione deve trovare una soluzione capace di sbloccare l’attuale stato di inaccessibilità e di armonizzare le ragioni dello sport con quelle della musica. 

A memoria ricordiamo che il Palaevangelisti, nella stagione 2004/2005 ospitò le gare di campionato, coppa Cev e coppa Italia della Sirio, gare di campionato della pallavolo maschile, gare di campionato del calcio a 5, che era in serie A, e tutte le relative finali. In quell’anno abbiamo avuto ben sei grandi eventi tra concerti e musical senza eccessivi problemi.

L’Associazione Umbra della Canzone d’Autore, insieme a MEA Concerti, in qualità di promotori e organizzatori dei grandi eventi musicali in Regione auspicano per tali motivi l’organizzazione di un tavolo comune tra l’Amministrazione cittadina, la Regione e la Sir Volley, volto alla risoluzione di questa grave situazione che rischia di penalizzare fortemente l’organizzazione dei grandi eventi di spettacolo in Umbria.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*