Quintana, Il Rione Croce Bianca propone una serata d’altri tempi

Sabato 6 settembre 2014 il Rione Croce Bianca presenta “Il Mercato dei Briganti” in occasione de “La Bianca Notte Barocca”. Si potranno riscoprire, così, momenti di vita seicentesca con giochi, intrattenimenti, arti e danze.

A partire dalle ore 21, il vicolo Butaroni sarà animato dai colori biancorossi, con musica, animazione per bambini, giullari e spettacoli d’epoca.

Nella serata d’altri tempi proposta dalla Taverna del Fedele non mancheranno anche specialità enogastronomiche. Sarà, quindi, possibile degustare delizie dolci come le frittelle di zucchero, i bomboloni alla crema, le ciambelle ricoperte di cioccolato, la rocciata tipica di Foligno, la torta ricotta e cioccolato e quella alla crema e pinoli.

La novità “dolce” della serata è il gelato Croce Bianca al gusto di fiordilatte che si potrà guarnire con praline e confetti colorati.

Molte anche le specialità tipiche della taverna del Fedele come gli spiedini di lumache con grasso e magro, il vitello grasso, ovvero spiedini di angus avvolti in rete di maiale, e la torta condita con salsiccia e noci, tutti piatti che hanno riscosso un grande successo nel menù rionale del 2014.

Le pietanze saranno accompagnate dall’ippocrasso, tipico vino del seicento aromatizzato alle spezie e l’immancabile sangria. Per tutta la serata rimarrà aperta anche la Tavernetta del Brigante con birra, altre bevande, piadine e caffè.

Anche i più piccoli avranno la possibilità di divertirsi con giochi organizzati e con gli animatori trucca-bimbi. Questo evento rientra nel calendario annuale del rione.

Si può già anticipare l’ appuntamento autunnale della compagnia teatrale “Del Fedele” che riporterà sulla scena, dopo sette anni, “Convivio d’amore e d’Inquintana”, opera scritta e diretta dal professor Stelvio Sbardella, dedicata ai rionali del Croce Bianca e a tutti i quintanari che, con passione, rendono la Giostra della Quintana un evento speciale per la cittá di Foligno.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*