Presepe vivente a Casaglia, sfilata conclusiva in costume il giorno della befana

L'iniziativa  ha ricevuto apprezzamenti da un vasto pubblico intervenuto alla prima serata

Presepe vivente a Casaglia, sfilata conclusiva in costume il giorno della befana

Presepe vivente a Casaglia, sfilata conclusiva in costume il giorno della befana

CASAGLIA – A seguito del successo della prima sfilata in costume – rievocazione storica per la celebrazione del Santo Natale – realizzata la sera della vigilia del 24 dicembre nell’area del giardino degli Olivi  della parrocchia di S. Maria Assunta (frazione di Casaglia),  il 6 gennaio  – dalle ore 17 fino alle 19 –  si svolgerà la rappresentazione  che rievoca  l’arrivo dei tre Re Magi, Gaspare, Melchiorre, Baldassarre,  con il loro ingresso alla capanna del Bambin Gesù.
La scenografia conserverà  gli stessi allestimenti  della prima sfilata (capanne in legno ) con  la presenza  delle stesse comparse (adulti e bambini) che daranno vita  alle numerose  scene  “arte e mestieri ”  quali il fruttivendolo,  il fornaio, il fabbro, l’osteria, il falegname, lavorazione della lana, lavandaie, il caciottaro, il canestraio, il pastore con  pecore e galline, il carbonaio e, non poteva mancare, all’ingresso la scena del censimento.
L’iniziativa  ha ricevuto apprezzamenti da un vasto pubblico intervenuto alla prima serata del 24 dicembre e alla replica del 26  ed è stata ideata e organizzata  dall’ASD Casaglia con la collaborazione del parroco Don Calogero Di Leo, del Consiglio Pastorale Parrocchiale, del Centro Socio Culturale e dell’Associazione Combattenti e Reduci.
Da segnalare che tutto il paese si è unito al fine di rendere fattibile questa iniziativa e per la realizzazione dell’ambientazione, curata anche nei minimi dettagli,  è stato recuperato l’antico uliveto  della parrocchia grazie ad un intervento di pulizia che lo ha reso fruibile e in sicurezza.
Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Davvero emozionante e suggestiva la location.Un plauso agli organizzatori e a tutti quelli che hanno creduto in questo progetto.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*