Postmodernissimo, il popolo del cinema risponde all’appello

Sarà attivo entro la fine del 2014 Postmodernissimo, nuovo spazio polivalente dedicato al cinema e alla cultura che sorgerà nel cuore dell’acropoli perugina e che rappresenterà un polo d’attrazione a vocazione europea per le arti visive. È stato presentato oggi il progetto di riqualificazione culturale dello storico stabile di Via del Carmine, che ha ospitato negli anni ’30 il Cinema Carmine, successivamente il Cinema Moderno ed infine il Modernissimo d’essay fino alla sua chiusura nel 2000.

Dopo 14 anni di oblio riprenderà vita uno degli scorci più belli del quartiere di Via della Viola, grazie all’idea e all’impegno di quattro professionisti del mondo della cultura, con esperienze importanti sia in Italia che in Europa: Giacomo Caldarelli, Ivan Frenguelli, Andrea Mincigrucci e Andrea Frenguelli, tutti perugini, sono il motore del progetto che vede innanzitutto la ristrutturazione dello stabile, già iniziata nelle scorse settimane.

Il nome Postmodernissimo vuole evocare il legame tra il passato e il futuro del cinema e della stessa città di Perugia, raccogliendo in sé una precisa idea di arte e società.

Quello che verrà realizzato sarà un format fortemente innovativo, ideato per trasformare la sala cinematografica, comunemente intesa come “bigliettificio”, in una vera e propria industria culturale: Postmodernissimo sarà infatti un piccolo multisala dedicato al cinema di qualità, allo spettacolo e alle arti visive in generale, ma soprattutto sarà un’esperienza del tutto nuova per lo spettatore.

Attraverso lo strumento dell’azionariato diffuso, infatti, sarà possibile allargare la partecipazione e la condivisione del progetto verso i fruitori delle iniziative, in modo paritetico con i promotori e con una forte componente d’interazione. Il coinvolgimento dello spettatore non si limiterà ad un mero concorso economico, ma modificherà la vita stessa del polo culturale: ci saranno serate dedicate al confronto con il pubblico, un ruolo attivo nella selezione degli eventi, fino alla possibilità di decidere in parte la programmazione delle sale.

All’interno della struttura ci sarà ad esempio una piccola sala (30 posti circa) dove sarà possibile accedere ad una media library dedicata all’immagine in movimento e alla video arte, sviluppata in partenariato con la piattaforma internazionale Mubi e l’italiana MyMovies.

Inoltre ci saranno altre due sale, una da 158 posti e l’altra da 60, un bar-bistrot con ingresso indipendente, una libreria e uno store dedicato al cinema e al merchandising, una piccola galleria d’arte e una hall pensata per la socialità, con copertura WiFi.

A supporto dell’iniziativa saranno attivati dal 10 settembre uno sportello informativo ed un temporary store (entrambi in Via del Carmine), che diventeranno punto di riferimento per tutte le attività fino all’inaugurazione vera e propria prevista per questo inverno.

L’attività imprenditoriale verrà portata avanti dall’Anonima Impresa Sociale Società Cooperativa, fondata dai quattro promotori del progetto, con la collaborazione attiva della cittadinanza e di tutti coloro che vorranno sostenere Postmodernissimo: partirà ad inizio settembre l’azionariato diffuso, che permetterà di diventare soci acquistando azioni del valore di 100€, mentre è già stata attivata una campagna di raccolta fondi (crowdfunding).

Con una cifra minima di 10€ si può ottenere la tessera sostenitore, con la possibilità di scegliere poi reward differenti che vanno dai biglietti omaggio per il cinema alle t-shirt Postmodernissimo, passando per l’acquisto simbolico di una poltrona della sala o abbonamenti che danno diritto all’ingresso gratuito e illimitato alle proiezioni. L’iniziativa, lanciata meno di una settimana fa, ha trovato già ottimi riscontri con circa 100 sostenitori all’attivo.

Per conoscere tutti i dettagli è possibile collegarsi al sito internetwww.postmodernissimo.com, mentre sono presenti vari canali Social; la pagina Facebook ufficiale ha collezionato oltre 1900 “like” in una sola settimana.

Durante la conferenza stampa di oggi è stato infine presentato il documentario “istantaneo” che verrà realizzato per celebrare l’apertura del Postmodernissimo: attraverso 3 episodi, che verranno pubblicati in versione sintetica su YouTube prima della proiezione integrale, gli utenti potranno seguire lo stato d’avanzamento dei lavori e l’impatto del progetto sulla città.

Per ulteriori informazioni comunicazione@postmodernissimo.com

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*