PERUGIA, SPORT AL CENTRO E A SCUOLA DI FANTASIA

foto 3(umbriajournal.com) PERUGIA – Un modo nuovo di portare i giovani e i giovanissimi in Centro con tanto di famiglia al seguito promuovendo iniziative di grande appeal. Questo hanno rappresentato le due iniziative promosse dal Comune di Perugia: Sport al Centro e Scuola di Fantasia che sabato scorso hanno portato centinaia di bambini e adolescenti con le loro famiglie a fare una grande festa nell’acropoli. Sport al Centro è l’iniziativa promossa dalla struttura organizzativa Centro Storico in collaborazione con Ad Perugia Calcio. L’iniziativa ha visto l’allestimento di due campi di mini calcio, due campi dedicati all’agilità e giochi  vari.

Fare del Centro un luogo dove si svolge una grande festa partendo dai giovani, commenta il Vicesindaco Nilo Arcudi (Centro storico), è un modo diverso di vivere l’acropoli. Sport al Centro si è svolto in concomitanza con un’altra grande iniziativa promossa sempre dal Comune, A scuola di Fantasia, dove sono state protagoniste le scuole. “Si è trattato in definitiva di un segnale simbolico dove giovani atleti e giovani studenti insieme si sono uniti dando vita a una iniziativa comune, una grande festa che ha contribuito a restituire la città ai perugini”.

A scuola di fantasia, laboratori e giochi per le vie del centro storico è la manifestazione organizzata nelle piazze dall’Assessorato ai Servizi educativi ed ha rappresentato un’occasione importante per presentare le 64 proposte progettuali delle Offerte culturali ed educative che l’Amministrazione comunale e le scuole del capoluogo organizzano da 22 anni a questa parte. E’ stata una bella giornata di festa alla quale hanno preso parte i bambini e le loro famiglie, sostiene l’Assessore Monia Ferranti (Servizi per l’infanzia e l’adolescenza), “Piazza IV Novembre e Piazza della Repubblica erano piene di piccoli e grandi, gente allegra e gioiosa, presenze che non possono che far bene alla città”. Un evento, quello di ieri, che ha visto la partecipazione di molti dei 55 soggetti che portano negli istituti attività come la musica, il teatro, la danza, lo sport, la scienza, l’ambiente.

Il Comune contribuisce alle Offerte culturali ed educative che si svolgono durante l’anno scolastico con circa 72mila euro. La scorsa edizione ha visto la partecipazione di 17mila bambini.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*