PERUGIA, MOSTRA “QUELLO CHE RESTA”, PIERPAOLO PASOLINI NELLE IMMAGINI DI BECCHETTI

"Quello che resta"
"Quello che resta"
“Quello che resta”

(umbriajournal.com) PERUGIA – Conclusa l’importante mostra Sandro Becchetti: volti dall’Umbria e dall’Europa, alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia, l’arte fotografica di Sandro Becchetti torna di nuovo a Terni in una seconda mostra alla Galleria dA. Co. dal titolo “Quello che resta”. Pier Paolo Pasolini nelle immagini di Sandro Becchetti. Sabato 2 novembre alle h 19:00 l’inaugurazione. La mostra è curata da Valentina Gregori in collaborazione con l’Associazione Culturale Downtown.

Ritratti fotografici scattati da Becchetti nella casa di Pier Paolo Pasolini si alternano a fotografie di quella che si potrebbe chiamare la Roma pasoliniana di fine anni ’60. Chi era Pier Paolo Pasolini? Il fotografo Sandro Becchetti comprende il suo sguardo e la sua lingua, comprende il suo isolamento e anche se ciò non crea empatia tra i due, egli ci offre uno sprazzo di verità riconosciuta: nella luce di Sandro Pasolini è solo un uomo nella sua casa in compagnia della madre, è una figura che cerca la sua posa ma non la trova, perché il presente non ha pose, il presente non è ricordo.

Una mostra che indaga, suggerisce, interroga l’ambigua relazione che intercorre nel gioco della parola e dell’immagine (“Leggere le immagini del proprio tempo, digerirle e trasformarle in parole sapendo che di queste resteranno solo delle immagini”). Il mese di novembre si trasforma così in un invito, fatto dalla Galleria dA. Co., a esplorare quella zona d’ombra che sta tra le immagini e le parole.

Un percorso fotografico scandito da appuntamenti e incontri. Si ricorda quello di venerdì 8 novembre insieme a Umbria Libri: lettura degli Scritti Corsari di Pier Paolo Pasolini alla Galleria dA. Co. di Terni alle h 19.30. Per la realizzazione di questa mostra si ringrazia la famiglia Becchetti e in particolar modo Gianna Bellavia. Si ringrazia inoltre Sistema Museo per il prestito di numerose fotografie.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*