Perugia Expo 2015, il bilancio dell’edizione numero “zero”

PERUGIA – L’edizione numero “zero” di “Perugia Expo 2015, gusti & sapori del Mondo”, che si è tenuta da giovedì a domenica scorsi presso piazzale Umbria Jazz a Pian di Massiano di Perugia, ha chiuso i battenti.

Il nuovo format, ideato da Cosap 99 (Consorzio Operatori su Aree Pubbliche nato nel 1999) e Fiev Umbria (fiere ed eventi), prevedeva quattro giorni di mostra mercato dedicati all’enogastronomia europea, ai banchi di merceologia tradizione per gli amanti dello shopping, all’animazione e agli spettacoli musicali curati dall’Afterlife Club di Perugia. Quest’ultimi, anche grazie alla presenza di stand di cucina, sono stati particolarmente apprezzati dal pubblico che ha animato l’area di piazzale Umbria Jazz fino a tarda notte. Ogni sera era caratterizzata da un tema. È stata gradita soprattutto quella del sabato, tutta dedicata al dialetto perugino con “gusti & sapori de l’orto de casa”. Erano saliti sul palco la “Brigata Pretolana”, Roco, il “Corzo de Perugino” ed il “Vernacolo Perugino”.

«La collaborazione di Cosap 99 e Fiev Umbria – commenta Massimiliano Baccari, presidente di Cosap 99 – è andata molto bene per quanto riguarda la parte enogastronomica e musicale, che ha registrato migliaia di presenze. Abbiamo avuto modo di vedere, invece, che la prima fase della giornata non ha avuto il riscontro auspicato. Le merceologie tradizionali hanno trovato maggiore difficoltà d’inserimento e, per il prossimo anno, cercheremo di inserirle con un format diverso. Vogliamo organizzare molti più eventi mattuttini e pomeridiani che andranno a coinvolgere maggiormente la città e non solo, assicurando quindi anche per le prime ore della giornata un’affluenza significativa. Con la certezza che questa manifestazione in futuro crescerà, ci auspichiamo un maggiore coinvolgimento e collaborazione da parte di molti altri soggetti. Grazie ai suggerimenti degli operatori stranieri e non, già ci siamo messi in moto per l’edizione uno, quella del 2016».

L’iniziativa ha avuto il patrocinio del Comune di Perugia, della Confcommercio Provincia di Perugia e di Fiva Umbria, Federazione italiana venditori ambulanti e su aree pubbliche afferente a Confcommercio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*