Notte Europea dei Ricercatori, laboratori aperti e incontri pop

PERUGIA – Laboratori aperti, per toccare con mano e vivere di persona l’esperienza della ricerca. In occasione di Sharper, la Notte europea dei ricercatori di venerdì 26 settembre, il dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università degli Studi di Perugia incanterà i visitatori di tutte le età con il Vulcano lab, la Camera pulita, le Immagini dai Nanomondi e il Laser nel cuore della materia.

Chimica, Biologia e Biotecnologie, invece, aprirà le porte di Chimica, Colore ed Energia e del Molab: la chimica delle opere d’arte. Un viaggio nel mondo della ricerca, delle scoperte e nel lavoro dei ricercatori dell’Ateneo perugino. In campo, per l’edizione 2014 di Sharper, qualcosa come 60 ricercatori.

Ma non è tutto: al Centro Servizi Alessi di via Mazzini si alterneranno matematici, chimici, giuristi, medici e biologici. Dalle 17 alle 24 l’ex Sala Borsa Merci ospiterà incontri, dibattiti e conferenze, tutte trasmesse in diretta streaming audio e video dal media universitario perugino Radiophonica. La cifra degli incontri è quella di un linguaggio pop, capace di superare tecnicismi e complessità, per coinvolgere il pubblico nella costruzione del futuro della città.

Un futuro basato sulla forza della ricerca e sui suoi risultati. Si comincia alle 17.30 con Think Green, “la chimica degli esseri viventi come ispirazione per una nuova chimica verde”. Alle 19 Medicine for dummies, “il mondo della medicina raccontato da chi lo vive quotidianamente”. Alle 21 spazio a “Unexpected connections”, “la genetica esplorata da un medico e un giurista”.

Alle 22.30 conclusione con Muri e teoremi, “quando la matematica aiuta la conservazione del patrimonio storico-culturale”. Un panorama ampio e variegato, per abbracciare tutte le sfaccettature e i temi, con i ricercatori che scendono in piazza per dialogare con i cittadini.

A fare da ponte tra i laboratori e la strada saranno le passioni condivise, per la ricerca come per le cose comuni. Un terreno dove far incontrare e confrontare i ricercatori e la gente. Un esempio di tutto ciò è incarnato nella European run night, la prima gara podistica in notturna per le vie del centro storico che partirà da piazza della Repubblica alle 20.30.

Il progetto – Sharper, che il 26 settembre coinvolgerà in contemporanea Perugia, Ancona e L’Aquila, è un progetto europeo cofinanziato dalla Commissione Europea nel quadro delle Azioni Marie Curie del programma Horizon 2020 ed è uno dei cinque progetti selezionati in Italia dalla Commissione.

È coordinato da Psiquadro, che ha come partner l’Università degli Studi di Perugia, l’Università Politecnica delle Marche, i Laboratori Nazionali del Gran Sasso – INFN e Observa Scienza e Società.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*