Mantignana è in festa con la Rassegna della torta di Pasqua umbra

giorgio barchiesi giorgione

Sfida culinaria tra le donne del paese e ‘Giorgione’, l’oste di Gambero rosso channel  – Dal 18 al 20 marzo tradizione, intrattenimento e buon cibo nella 14esima edizione

(umbriajournal by Avi News) – MANTIGNANA Mantignana è in festa con la 14esima Rassegna della torta di pasqua umbra da venerdì 18 a domenica 20 marzo. L’evento è organizzato dall’Associazione ricreativa culturale sportiva (Arcs) Mantignana che ha previsto, nei tre giorni, un programma all’insegna della tradizione, dell’intrattenimento e del buon cibo. Ogni sera, alle 19.30, si apriranno gli stand gastronomici. Un ricco antipasto e poi non resta che scegliere tra maltagliati con asparagi e pachino, ricotta salata e zafferano, imbrecciata con torta di Pasqua croccante, rigatoni all’amatriciana e pecorino romano, pollo in porchetta, agnello scottadito, agnello fritto, carciofi fritti, torta dolce con chantilly e ciaramicola.

La degustazione della torta di Pasqua è prevista sabato 19, alle 16 e domenica 20 alle 16.30, quando si svolgerà la disfida tra le donne di Mantignana, custodi  della ricetta originaria della torta di Pasqua e Giorgio Barchiesi, in arte ‘Giorgione’, il popolare oste di Gambero rosso channel, ospite atteso dell’evento mantignanese.

Giochi e musica Non solo cibo, però, a Mantignana. Venerdì 18, alle 21.30, ci sarà il torneo di biliardo, specialità boccette, mentre sabato 19, alla stessa ora, musica live con l’orchestra Giacomo Monacelli Group.Domenica 20, poi, ancora musica con l’esibizione della Casabei street band alle 17.

Beneficenza e preghiera Non mancheranno infine, i momenti dedicati alla beneficenza e alla preghiera. Sabato 19, infatti, è prevista una pesca di beneficenza a cura della Croce rossa italiana comitato locale di Corciano mentre domenica 20, alle 10.50, si terrà la processione delle Palme per le vie del paese con la benedizione dei rami d’ulivo e la celebrazione liturgica con la Passione di Cristo dialogata.

Rossana Furfaro

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*