Una magica cena al castello di Petroia

Di castelli, torri e fortificazione è ricca l’Italia e numerose sono le testimonianze architettoniche di grande fascino in tutta la penisola che rievocano le gesta della storia, dal Medioevo al Rinascimento. Ma solo uno è il Castello dove è nato nel 1422 il Duca Federico da Montefeltro principe del Rinascimento italiano, grande condottiero e mecenate, esempio fulgido di ‘buon governo’ pure in tempi non facili, tra guerre di confine e congiure. E’ il Castello di Petroia nel Comune di Gubbio, immerso nelle verdi colline lungo la strada che conduce ad Assisi e Perugia.

Una posizione strategica molto importante nel XV secolo e anche ora per quanti volessero raggiungerlo e sostare nell’accogliente ospitalità di poche selezione stanze, curate personalmente dal proprietario del maniero Carlo Sagrini, che, insieme alla famiglia, ne ha fatto il suo ‘buen retiro’. E giovedì 14 agosto, notte di mezza estate, si cena all’aperto con un banchetto di semplici e meravigliosi cibi di quel tempo,

allestito al cospetto delle stelle nella piazza di ‘bianco sassolino’, per tornare indietro nei secoli e rivivere la magica atmosfera delle feste cortesi, baciate da luci di fiaccole e candele, e allietate da incantevoli melodie.

“L’Oro de Petroia” è il tema della rievocazione che promette di svelare segreti “Del tramonto…l’arrivo, de la sera…la sfida, de la nocte…la festa”, attraverso le storie narrate dal fine dicitore Giuseppe Brizi, che farà rivivere, in un testo di sua invenzione, un tempo antico, ma ancora presente tra le millenarie mura di questa severa fortezza medievale.

Per prenotazioni e ulteriori informazioni visitare il sito www.petroia.it – info@petroia.it o telefonare al numero 075 920287.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*