L’arte incontra l’enogastronomia nella Festa della vernaccia a Cannara

La Vernaccia di Cannara
La Vernaccia di Cannara
festa della vernaccia cannara
Da sinistra: Monia Perri e Fabrizio Gareggia

Al Museo Città di Cannara un percorso degustativo con vini passiti molto più blasonati – L’evento si chiude domenica 3 aprile con premiazione di vernacce di produttori locali

(umbriajournal by Avi News) – CANNARA Il connubio tra la Vernaccia di Cannara e l’arte è uno dei filoni che sta caratterizzando la festa che la sezione Avis comunale ‘Lucio Pasqualoni’ e la Pro Avis Cannara hanno promosso con il patrocinio del Comune per la valorizzazione e la riscoperta del vino che ha una lunga tradizione e una sua specificità nel territorio. Nella giornata di venerdì primo aprile, infatti, al Museo Città di Cannara è andato in scena l’evento ‘La Vernaccia e i vini da meditazione incontrano l’arte’, percorso enogastronomico in quattro tappe di cui hanno fatto parte anche il Sagrantino passito, il Recioto e lo Cherry, tutti sapientemente abbinati a cibi che ne hanno esaltato le caratteristiche. Momento degustativo ambientato negli spazi in cui sono stati esposti e appena presentati alla cittadinanza dipinti restaurati del XVIII secolo provenienti da Palazzo Feltri (ex circolo cittadino).

festa della vernaccia cannara
Uno dei dipinti restaurati

“Il nostro scopo – ha commentato Monia Peri, membro di Pro Avis Cannara e Avis comunale – è stato quello di unire l’arte al gusto, tanto più che la sede delle nostre associazioni si trova nello stesso cortile di questo museo e incentivare coloro che ci frequentano a far visita a un luogo che custodisce molte ricchezze come il mosaico etrusco ricostruito”. “Quella organizzata al museo – ha commentato il sindaco di Cannara Fabrizio Gareggia – è un’iniziativa molto interessante e innovativa per il territorio. Abbiamo messo a confronto la nostra Vernaccia con altri passiti, in un contesto meraviglioso. Riusciamo a costruire un percorso con l’obiettivo di identificare nel palato del consumatore la Vernaccia, prodotto poco noto ma molto apprezzato e che non sfigura nel confronto con vini più blasonati”.

Immancabile, durante la festa l’abbinamento con la cipolla di Cannara. “La sinergia tra i due prodotti funziona – ha confermato Gareggia –, il territorio l’ha scoperta, noi dobbiamo essere bravi a presentarla e valorizzarla”.

La Vernaccia di Cannara
La Vernaccia di Cannara

La Festa della Vernaccia, in programma fino a domenica 3 aprile, ha in cartellone tanti appuntamenti. Tutti i giorni dalle 19.30 è aperto lo stand gastronomico Al cortile antico dell’Avis e sono possibili degustazioni guidate alle 17.30 su prenotazione (333.5280053). Allestito, inoltre, per le vie del centro storico un mercatino. Nell’ultima giornata, alle 10, partirà un raduno di auto e moto d’epoca che farà sosta alla cantina De Filippo, produttore di Vernaccia, per una degustazione. Nel pomeriggio spettacolo della Compagnia dei Balestrieri di Assisi, mentre a chiudere la manifestazione, alle 21 Al cortile antico, la premiazione delle vernacce amatoriali di dieci produttori locali coordinata da Roberto Damaschi, cannarese doc e noto appassionato di vini ed enogastronomia, e accompagnata dal coro polifonico Concentus Vocalis ‘L’in…canto della vernaccia’. Una giuria di esperti sommelier decreterà la vernaccia più meritevole.

“Il nostro intento –– ha concluso Peri – è quello di promuovere il territorio e valorizzare le sue tipicità. Da anni la cipolla ha assunto il ruolo di regina, a fianco a lei l’altro prodotto speciale, peculiare è la Vernaccia. Siccome questa si produce attraverso il vitigno dell’uva Cornetta che è andato scomparendo e nel territorio di Cannara è presente in quantità molto limitata, il nostro scopo è che possa essere riconosciuto come qualità di vite idonea nel nostro comune per produrre la Vernaccia”.

Carla Adamo

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*