E’ tempo di job day, primo step del progetto ‘Borsa lavoro’

Assunzioni
Assunzioni
Assunzioni
CORCIANO – L’abituale chiusura pomeridiana degli Uffici del Comune di Corciano il martedì, sarà utilizzata, il 3 giugno, per il “Job Day”, primo step del progetto ‘Borsa Lavoro’. Avviato dall’assessore allo sviluppo economico Lorenzo Pierotti e dal vicesindaco ed assessore alla coesione sociale Sabrina Caselli, vuole finalizzare la formazione in azienda ad un’effettiva occasione lavorativa. Per un massimo di 90 giorni, infatti, l’Amministrazione erogherà alle aziende un contributo economico per ogni lavoratore impiegato, con l’assicurazione che il rapporto si possa consolidare al termine del percorso. L’incontro tra aziende e lavoratori per la scelta dei candidati è previsto, appunto, nel pomeriggio a partire dalle 15,00.

“Siamo partiti dalla necessità di utilizzare le risorse, che soprattutto in una fase di congiuntura economica negativa e di tagli agli enti locali vanno necessariamente centellinate non per creare lavoro precario ma occupazione stabile – spiega Pierotti nell’illustrare il ‘percorso etico’ rivolto alle imprese e con protagonisti i soggetti ancora in età lavorativa costretti a ‘rimanere a casa’ – Abbiamo scritto una lettera ad oltre 400 aziende per spiegare la ‘Borsa Lavoro’ che non si limita, come altri, ad un mero stage di qualche mese ma è finalizzato al reinserimento lavorativo.

In 7 hanno dato l’adesione preliminare ed in 6 quella definitiva, ma anche se riuscissimo a reinserire un solo lavoratore sarebbe un successo”. L’iniziativa, dall’alto valore sociale ed una buona dose d’innovazione, ha impattato con la sfiducia imperante nel tessuto imprenditoriale e la percezione di instabilità dell’attuale momento storico-economico ed il numero delle realtà che hanno risposto è stato un po’ al di sotto delle aspettative. “L’idea è nata guardando ‘in casa d’altri’ – prosegue Pierotti – Provincia e Regione sono solite impiegare contributi per uno stage aziendale ma l’innovazione della nostra formula consiste nel non avere incentrato la Borsa Lavoro solo sulla formazione bensì nell’averla collegata alle occasioni di reinserimento professionale.

L’azienda che si dichiarerà soddisfatta, infatti, stipulerà un contratto di lavoro con le unità produttive impiegate. Non è irrilevante inoltre – continua – dare al lavoratore una nuova opportunità”. Per 3 mesi, pertanto, per un massimo di 20 ore a settimana ed a spese del Comune il lavoratore entrerà in un’azienda, chiamata in causa al termine del percorso, in quanto, se soddisfatta, sarà tenuta ad assorbirlo proponendogli un contratto. “L’ufficio servizi sociali del Comune ha stilato una lista di cittadini corcianesi iscritti alle liste di disoccupazione con mansioni inerenti a quelle che le aziende aderenti ci hanno richiesto – conclude Pierotti – Il colloquio per la scelta finale non avverrà nella sede aziendale ma in Comune. Ogni azienda avrà a disposizione uno dei nostri uffici dove potrà valutare i candidati all’esperienza”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*