INCONTRO CON ALICIA GIMÉNEZ-BARTLETT

Alicia-Giménez-Bartlett-donde-nadie-te-enqüentre(UJ.com3.0) PERUGIA – Il 24 aprile alle ore 19.45 presso la Sala dei Notari di Palazzo dei Priori il Circolo dei lettori di Perugia, in collaborazione con il Circolo dei lettori di Torino e con il Festival Internazionale del Giornalismo, presenterà in esclusiva l’incontro con la scrittrice spagnola Alicia Giménez-Bartlett. Tagliente, acuta, ironica, dotata di un’intelligenza vivace e di uno stile spumeggiante, Alicia Giménez Bartlett ha scritto numerose opere di forte impatto culturale e di grande intensità ideale, e ha raggiunto la popolarità con il personaggio dell’ispettrice Petra Delicado. Della sua arte creativa, del suo rapporto con la letteratura e di numerosi altri aspetti della sua carriera, si parlerà nel corso dell’incontro alla Sala dei Notari. Nata ad Almansa, Albacete (Spagna) nel 1951, ha insegnato per tredici anni letteratura spagnola per poi dedicarsi completamente alla scrittura.

 

Prima di ottenere un enorme successo in patria con i romanzi Ritos de muerte (Riti di morte) e Día de Perros (Un giorno da cani),  Alicia Giménez-Bartlett ha pubblicato diversi libri fra cui Una habitación ajena (Una stanza tutta per gli altri), il racconto del difficile rapporto tra Virginia Woolf e la sua cameriera, che le è valso nel 1997 il premio “Feminino Lumen” come miglior scrittrice spagnola. La serie con protagonista l’ispettrice Petra Delicado (cui appartengono fra gli altri Nido vuoto, Un giorno da cani, Messaggeri dell’oscurità, Morti di carta, Riti di morte, Serpenti nel paradiso, Un bastimento carico di riso, Il caso del lituano e il recentissimo Gli onori di casa tutti pubblicati da Sellerio) l’ha consacrata una delle più seguite e amate gialliste al mondo. Sempre Sellerio nel 2010 ha pubblicato Vita sentimentale di un camionista, Dove nessuno ti troverà (2011), Exit (2012). Un suo racconto è incluso nell’antologia Dignità! Nove scrittori per Medici Senza Frontiere (Feltrinelli 2011) e Un Natale in giallo (Sellerio 2011).

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*