Grandioso successo per il giorno dell’inaugurazione del Festival

corciano-festival (9)CORCIANO – Grande entusiasmo per l’inaugurazione della 50° edizione del Corciano Festival che si è svolta sabato 2 agosto, a partire dalle 17.30 al Chiostro del Palazzo Comunale. Ad omaggiare con emozione i 50 anni della Rassegna, sottolineandone l’importanza nel panorama culturale e artistico dell’Umbria, anche la Presidente della Regione Catiuscia Marini, con il Sindaco di Corciano Cristian Betti, il Presidente del Credito Cooperativo Umbro Antonio Marinelli, Maria Rita Battistacci Presidente della Pro Loco Corciano, Antonio Pagana coordinatore della manifestazione e, ospite d’eccezione, l’artista Omar Galliani, autore della mostra inedita “Peruginesca” (Chiesa-Museo di San Francesco 2 agosto-7 settembre). Il Sindaco ha ringraziato calorosamente tutti gli sponsor e gli abitanti di Corciano, da sempre vicini alla manifestazione, ed ha inoltre ricordato con commozione Sergio Piazzoli, anche lui tra coloro che hanno contribuito a questa 50° edizione.

Una Piazza Coragino gremita, ha poi accolto l’attesissimo concerto serale del duo MUSICA NUDA, composto da Petra Magoni, voce, e Ferruccio Spinetti, contrabbasso. Un po’ jazz, un po’ canzone d’autore, un po’ rock, un po’ punk, e infine anche musica classica… quella di sabato sera è stata una vera e propria “Prima mondiale” -come ha affermato la cantante-, per la prima volta il duo ha interpretato brani del suo repertorio con un’orchestra, dal vivo.

Il Festival prosegue all’insegna del Teatro. Questa sera, lunedì 4 agosto, la Prima dello spettacolo “Sogno di una notte di mezza estate”, alle ore 20.45 (in replica fino al 9 agosto).
“Sogno di una notte mezza estate” di William Shakespeare. Una rappresentazione molto, molto, molto itinerante
Lo spettacolo si svolgerà tra Murata del Borgo, il Bosco Grande e Piazza Coragino

Una produzione di Corciano Festival e Farneto Teatro, in collaborazione con la Nobilissima Parte de Sopra del Calendimaggio di Assisi. Musiche di Felix Mendellsohn “A Midsummer Night’s Dream”
Traduzione e drammaturgia di Maurizio Schmidt

Lo spettacolo
Continua il progetto del “Teatro fuori dal Teatro” di Corciano Festival e Farneto Teatro, che attira da tanto tempo gli spettatori umbri a camminare tra le pietre del borgo trasformate dalla magia del teatro, ascoltando storie teatrali che a quelle pietre sono legate.
Dopo il successo delle realizzazioni itineranti di “Mistero Buffo” e “Mandragola” dell’estate scorsa, il lungo tragitto di capolavori teatrali adattati agli spazi affascinanti del borgo di Corciano (ricordate il Decameron, l’Arlecchino alla Pieve, la Dodicesima notte?) approda, per l’edizione del cinquantenario del Festival, ad un progetto speciale, unico nel suo genere: una fuga collettiva in un bosco per il Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare.
Personaggi e spettatori, seguendo le vicissitudini degli amanti shakespeariani, fuggiranno durante lo spettacolo in pulmann nel bosco del Palazzo Grande presso Corciano, finendo con essi irretiti nel mondo notturno degli elfi e delle fate, governato dai capricci di Oberon, del folletto Puck e della regina Titania.
Un progetto affascinante di festa teatrale, legata alle credenze popolari del sosltizio d’estate e alle schermaglie d’amore che danno vita ad ogni commedia, nella quale si chiederanno agli spettatori una partecipazione e una complicità se possibile ancora maggiori che in passato.

Il tema che dà forza al capolavoro di Shakespeare – uno dei testi più noti e rappresentati del nostro teatro – è quello della scoperta dell’amore in tutte le sue forme, ma anche dei suoi lati oscuri. Nella lotta per affermare le proprie scelte contro quelle dei genitori, i giovani protagonisti Ermia, Lisandro, Elena, Demetrio attraverseranno con gli spettatori un territorio onirico e pericoloso, incontrando nel buio del bosco i pensieri e le sensazioni che nella luminosa Atene sono negati. L’attraversamento di quel territorio dionisiaco – quasi un rito di passaggio all’età adulta – li stordirà, ma li renderà più maturi e consapevoli verso il matrimonio e l’apollinea e razionale vita di Atene. Analogamente l’attraversamento del territorio notturno costituirà, per il gruppo di artigiani capitanati dal tessitore Bottom incaricati della recita, l’affascinante scoperta del teatro: uno degli omaggi più toccanti all’arte teatrale mai scritti da nessun poeta. Una dichiarazione d’amore per l’arte scenica.
Altrettanto analogamente, il conflitto tra Oberon e Titania, che rappresentano l’elemento maschile e femminile della natura e si conclude con la danza di fertilità, costituirà un’ode alla forza delle stagioni e in definitiva alla vita, che è quasi un messaggio cifrato per una società che ha profonde e antiche radici contadine.

Un addio o forse un atto di fede nascosto per un mondo di credenze magiche popolari legate ai cicli delle culture, alla terra, alle acque, ai boschi e agli animali, che già ai propri tempi, Shakespeare sentiva minacciati dallo sviluppo del mondo moderno. Anche questa è una delle declinazione della misteriosa forza dell’amore che dà linfa al Sogno di una notte di mezza estate: l’amore per le credenze popolari e le antiche saggezze, per il sentirsi un popolo.

È così che nel capolavoro di Shakespeare matrimonio, teatro, riti e tradizioni popolari si intrecciano in una interrogazione sul senso della vita e di quella forza che manda avanti le cose, che solo in uno di quei sogni che si fanno nella notte di san Giovanni può essere compreso.
Gli spazi del borgo di Corciano e delle sue vicinanze offriranno, come e più di sempre, un corrispettivo spaziale che permetterà agli spettatori di attraversare questa storia onirica moltiplicata dal fascino dei luoghi. Un sogno a Corciano.

CAST:
Teseo, Oberon Marco Sgrosso
Ippolita, Titania Elisabetta Vergani
Egeo, Puck Claudio De Maglio
Ermia Irene Timpanaro
Elena Silvia Valsesia
Demetrio Luca Mammoli
Lisandro Antonio Gargiulo
Fata, Filostrato Caterina Fiocchetti
Bottom – tessitore Giorgio Branca
Ciufolo – aggiustamantici Carlo Menichini
Zeppa falegname Pino Menzolini
Incastro Carpentiere Marcello Filippucci
Stagna Stagnino Andrea Cipriani

Realizzazione scenica Farneto Teatro
Luci Paolo Latini
Tecnici Giulia Rota, Gianni D’Apolito, Federico Fe D’ostiani, Rei Ota, Pierantonio Bragagnolo, Diego Fettucciari

Regia e Drammaturgia Maurizio Schmidt
Aiuto Regia Maria Vittoria Bellingeri
Aiuto Regia Corciano Chiara Donà
Musicisti Itineranti Giovanni Brugnami, Daniele Bernardini

Tamburini diretti da Luca Cozzari
Menestrelli di Corciano diretti da Giovanni Brugnami
Coro polifonico di Santa Maria Assunta diretto da Antonietta Battistoni
Comparse e bambini di Corciano

Spettacolo a pagamento
Intero € 20,00 | Ridotto € 15,00 over 65
Per informazioni e prenotazioni Tel. 075 5188255 / 260
www.ticketitalia.com

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*