Con Gennadi Bogdanov ha preso il via il progetto ‘Pavoneteatro’

Il maestro Gennadi Bogdanov e l’attore Claudio Massimo Paternò durante la dimostrazione di biomeccanica teatrale

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – È stato il maestro Gennadi Nikolaevich Bogdanov, con una dimostrazione teorico pratica sulla biomeccanica teatrale di Vsevolod Emilievic Mejerchol’d, ad inaugurare il progetto ‘Pavoneteatro’. L’iniziativa che si è svolta al Teatro Pavone sabato 10 settembre ha così aperto la serie di attività che mirano alla riaffermazione nel territorio umbro del più antico teatro di Perugia. Spaziando tra teatro, musica e danza la Uilt Umbria (Unione italiana libero teatro) proporrà, infatti, nei prossimi mesi insieme ai gestori del ‘Pavone’ un ricco cartellone per dare nuova linfa vitale al teatro stesso. “Siamo onorati di partecipare insieme alla Uilt a questo processo di rinnovamento culturale del Teatro Pavone – ha detto Gianbattista Manzoni, presidente del Teatro Pavone –, inoltre, da giugno 2017, il teatro sarà sottoposto anche a importanti opere di ristrutturazione a cura del Comune di Perugia”.

 “È un progetto di nuovo pensiero – ha spiegato Flavio Cipriani direttore Centro studi nazionale Uilt – che mira a far diventare il ‘Pavone’ una ‘casa della cultura’, un crocevia tra progetti e metodologie diverse. Oltre alle dimostrazioni teoriche ci saranno anche laboratori e spettacoli senza andare in conflitto con gli altri teatri di Perugia”. A dimostrazione, l’iniziativa esclusiva organizzata in collaborazione con il C.I.S.Bi.t., Centro internazionale studi di biomeccanica teatrale, che ha portato il maestro russo Gennadi Bogdanov al teatro Pavone. Erede di Mejerchol’d, regista russo che nei primi del ‘900 diede vita a un metodo di educazione teatrale trasmesso oralmente da maestro a maestro attraverso le idee, il training, l’esercizio costante e la pratica scenica, Bogdanov, ha presentato il processo tecnico del sistema, alcuni principi legati al lavoro dell’attore e alcuni tra gli esercizi più particolari della biomeccanica teatrale, gli ‘etudes classici’, insieme a Claudio Massimo Paternò. A entrambi spetta, infatti, la paternità del C.I.S.Bi.t., da loro fondato nel 2004 a Perugia, unico centro teatrale al mondo esclusivamente dedicato alla divulgazione, allo studio e allo sviluppo della biomeccanica teatrale di Mejerchol’d.

Cristina Biondi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*