Foligno, Segni Barocchi, venerdì 5 settembre all’Auditorium Santa Caterina

Si apre oggi la XXXV edizione di Segni Barocchi con due appuntamenti di “Omaggio alla Francia”: alle 17,30 viene inaugurata a Palazzo Trinci, trasformato in Palazzo della Fiaba, fino al 21 settembre, la mostra “La Fiaba barocca da Cenerentola a La Bella e la Bestia” con illustrazioni figure, maschere, dipinti, installazioni e video di Mariella Carbone, Francesca Greco, Barbara Lachi, Ugo Levita, Ayumi Makita.

Il catalogo degli artisti è curato da Emanuele De Donno. Alle 21,15 l’Auditorium San Domenico ospita lo spettacolo “Molière o Il Malato immaginario”, coproduzione della Piccola Compagnia della Magnolia e del Théâtre de l’Epée de Bois-Cartoucherie de Vincennes di Parigi, con la regia di Antonio Díaz-Florián: un appuntamento da non perdere.

Per domani, venerdì 5 settembre, alle 21,15, all’Auditorium Santa Caterina, Musica Perduta, ensemble con strumenti originali, eseguirà “Cantate di Alessandro Scarlatti” con il concerto in Do maggiore per flauto dolce, archi e basso continuo, la Cantata Sotto l’ombra per basso, violini e basso continuo, la Sonata in Re minore per violoncello e basso continuo, la Cantata Immagini d’orrore per baritono, archi e basso continuo, il Concerto in La minore per flauto, violini e basso continuo, e la Cantata Tu resti o mio bel Nume per basso, violini e basso continuo.

Le tre cantate per basso di Alessandro Scarlatti (1660-1725) costituiscono una piccola parte del grande corpus di cantate scarlattiane.

Musica Perduta è un’associazione culturale fondata nel 2007 da Renato Criscuolo e Valerio Losito impegnata nella ricerca, in biblioteche ed archivi, di musica inedita o ancora poco conosciuta, di eminenti autori e di compositori, in prevalenza dei secoli XVII e XVIII. L’organico è composto da Mauro Borgioni, baritono/bass; Monika Toth, Danuta Zawada, violini; Renato Criscuolo, violoncello; Luca Marzetti, contrabbasso; Michele Carreca, tiorba; Alberto Bagnai, flauto dolce e clavicembalo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*