La Festa della cipolla di Cannara convince da subito il grande pubblico

(umbriajournal.com) by Avi News CANNARA –  Avvolta da una moltitudine di profumi, gremita di persone e illuminata a festa anche nei suoi vicoli più nascosti, così si presenta Cannara in questi giorni. Ha infatti preso il via, per proseguire fino a domenica 7 settembre e poi riprendere da martedì 9 a domenica 14 settembre, la ormai tradizionale Festa della cipolla. Un trionfo soprattutto per i palati che possono, nei cinque stand (Al cortile antico, Il giardino fiorito, Il rifugio del cacciatore, El cipollaro, La taverna del castello) e nei due punti ristoro (La locanda del curato e La tana  di pinocchio) della manifestazione, assaporare la tipica produzione agricola cannarese declinata in un’infinità di curiosi accostamenti e gustosi piatti, dai più tradizionali, come la pizza o la frittura, a quelli più originali, come i dessert. “Riusciamo ad abbinare la cipolla ad ogni portata – ha raccontato Alberto Borghi, presidente de ‘El cipollaro’ –, dall’antipasto al dolce. D’altronde non può che essere così essendo la festa a lei dedicata. È una nostra prerogativa e tutti gli stand si impegnano in menù che vedono la cipolla protagonista indiscussa”. Un format questo che, a distanza di 34 anni dalla prima edizione, ancora riscuote successo, visto il grande pubblico accorso fino adesso a Cannara. L’elemento culinario, dominante, tende però sempre più ad essere accompagnato da novità tecnologiche e obiettivi ambiziosi. “Quest’anno – ha ricordato Lorena Felicetti, presidente dell’Ente Festa della cipolla – abbiamo introdotto l’applicazione ‘CipollApp’ grazie alla quale gli avventori della manifestazione possono visualizzare sul loro smartphone i menù e il programma delle serate e vincere una cena per sei persone partecipando al concorso ‘un selfie con la cipolla’”. “Vogliamo – ha affermato il sindaco di Cannara Fabrizio Gareggia – che questo momento così importante per la città diventi una grande occasione di valorizzazione del nostro territorio. Abbiamo stipulato un patto di amicizia con la cittadina statunitense di Walla Walla, prima produttrice di cipolle in America, creando così un collegamento tra le due comunità che permetta di far crescere entrambe le realtà. Stiamo inoltre raccogliendo firme a supporto della promozione del sito francescano di Piandarca, situato nel nostro territorio, a ‘luogo del cuore’ del Fondo ambiente italiano. Se riusciremo a raggiungere un certo numero di sottoscrizioni potremmo progettare la sistemazione e la promozione del sito stesso”.

La Festa della cipolla, che tra l’altro ha in programma ogni sera mercatini di artigianato e prodotti tipici, spettacoli e concerti nelle piazze e nei giardini del borgo, che culmineranno con il live dei 7 cervelli, domenica 14 settembre, all’Onion disco pub, non tralascia neanche l’aspetto della solidarietà. “Per il secondo anno consecutivo – ha spiegato Lorena Felicetti –, con l’associazione Free time, abbiamo lanciato l’iniziativa ‘Aggiungi un euro al tuo menù’ attraverso la quale chi si reca a cena in qualsiasi stand può fare una piccola donazione all’Associazione umbra per la lotta contro il cancro”.

Nicola Torrini

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*