È nel vivo ‘Natale alla rocca’, idee regalo nella Perugia sotterranea

Natale alla rocca

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – Tartufi, lampascioni, formaggi, salumi ma anche capi d’abbigliamento, mobili, bigiotteria, manufatti in vetro, metallo, lana cotta, fimo, ceramica e pelle. E poi ancora candele decorate e profumate, saponi al latte di pecora e svariati oggetti di artigianato artistico. Sono solo alcuni dei prodotti che è possibile trovare a ‘Natale alla rocca’, la mostra mercato delle produzioni artigianali, dei mestieri d’arte, della creatività e del riciclo promossa dall’associazione FareFacendo in collaborazione con il Consorzio Perugia in centro, che fino a mercoledì 6 gennaio, dalle 10 alle 20, (venerdì 1 gennaio dalle 15, chiusa venerdì 25 dicembre) animerà di profumi, colori e sapori uno dei luoghi simbolo della Perugia sotterranea, la Rocca Paolina. Circa 80 gli espositori della quinta edizione, provenienti da diverse parti d’Italia, e dislocati lungo il percorso pedonale che, per l’occasione, si estende anche in sale diverse da quelle quotidianamente aperte al pubblico. A rendere ancora più interessante la visita al mercatino, la presenza de ‘Il Grande nero’, scultura monolitica di 7,5 metri del maestro Alberto Burri che campeggia nella Sala delle Acque della Rocca Paolina e inaugurata, dopo tanta attesa e i lavori di restauro, venerdì 18 dicembre.

“Natale alla Rocca – ha dichiarato Marco Brilli, presidente dell’Associazione Farefacendo – è stato riconosciuto dalla stampa nazionale come uno tra i dieci mercatini più interessanti a livello europeo. L’intento dell’associazione era proprio questo, portarlo all’attenzione nazionale e anche oltre. Natale alla Rocca, infatti, è uno di quei prodotti che Perugia può ‘vendere’ come prodotto turistico e noi lavoreremo affinché questo si verifichi. Non dimentichiamo che si svolge in uno dei luoghi più suggestivi del capoluogo umbro che spesso, purtroppo, è utilizzato solo di passaggio. Sotto Natale, invece, apre nuove sale e brilla di nuova luce”.

 

Rossana Furfaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*