CON LA MOSTRA MERCATO DELLO ZAFFERANO CASCIA RISPLENDE DI COLORI E PROFUMI

Da sinistra Piero Reali, Gino Emili, Roberto Bertini, Claudio Giampiccolo, Lanfranco Castellucci
Da sinistra Piero Reali, Gino Emili, Roberto Bertini, Claudio Giampiccolo, Lanfranco Castellucci

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – Lo zafferano, pianta dalle origini orientali e millenarie, dai fiori multicolore e da cui si ricava una preziosissima spezia, da 13 anni fa risplendere la città di santa Rita. Anche quest’anno, infatti, l’amministrazione comunale, in collaborazione con i trenta produttori raccolti nell’“Associazione dello zafferano di Cascia – zafferano purissimo dell’Umbria”, ripropone, da giovedì 31 ottobre, con inaugurazione alle 15.30, a domenica 3 novembre, la Mostra mercato dello zafferano di Cascia. La manifestazione è stata presentata a Perugia, giovedì 24 ottobre, e a illustrarne i dettagli sono stati Claudio Giampiccolo, presidente dell’“Associazione dello zafferano di Cascia”, Gino Emili, Lanfranco Castellucci e Piero Reali, rispettivamente sindaco, assessore alla cultura e all’ambiente e consigliere con delega per i grandi eventi del Comune di Cascia. Presente all’incontro anche Roberto Bertini, assessore all’agricoltura della Provincia di Perugia. “Il ritorno dello zafferano in questo territorio – ha esordito il sindaco Emili – è ormai consolidato. Uno zafferano che, tra l’altro, viene considerato da chi lo usa, e in particolar modo dai ristoratori, di ottima qualità. Sfruttando anche il ponte di Ognissanti, la manifestazione può essere un’ottima occasione per conciliare l’acquisto di questa spezia giallo oro con una visita al nostro splendido borgo”. E sebbene il mercato rappresenti il momento clou della manifestazione, con circa novanta stand allestiti da produttori locali e non, tra piazza Garibaldi e piazza San Francesco, numerosi saranno le sezioni in cui lo zafferano verrà declinato. “A convegno”, venerdì 1 novembre, alle 10.30, in sala San Pancrazio, con un incontro dal titolo “Profumo color zafferano. Viaggio nel mondo dello zafferano attraverso il gusto, i profumi, i colori” durante il quale esperti illustreranno i possibili utilizzi dello zafferano: dalla cucina, passando per la profumeria e la tintura dei tessuti fino ad arrivare alla farmaceutica. “Questo prodotto contiene un gran numero di antiossidanti – ha spiegato Giampiccolo – e viene testato in molte ricerche mediche con buoni risultati. Stiamo cercando di rivalutarlo sotto tutti gli ambiti. Richiede tanta pazienza e lavoro ma può essere coltivato da tutte le famiglie”. “In mostra”, con l’esposizione iconografica “La Valnerina tra passato e presente” in piazza San Francesco. “A tavola”, con i ristoranti che serviranno pietanze a base di zafferano e con “La via dell’oro”, degustazioni gratuite guidate nei palazzi del centro storico, venerdì, sabato e domenica, alle 16.30, su prenotazione al punto informazioni. Protagonista delle degustazioni sarà anche il pesce di mare con gli aperitivi “Adriatico in tour” offerti, sabato e domenica, dalla città di Porto Sant’Elpidio, presente all’evento anche con la scarpa più grande del mondo. Non mancheranno nemmeno gli aspetti artistici con la performance Zafferani degli “Artisti & Innocenti” in occasione della chiusura, domenica 3 novembre, alle 16, in piazza Garibaldi, della Mostra d’arte contemporanea “Luci sorgenti”. “Questi mesi autunnali – ha sottolineato Bertini –, tradizionalmente poco movimentati sotto l’aspetto turistico, grazie a manifestazioni come questa, stanno invece dando una spinta importante all’economia nel settore enogastronomico. Con simili iniziative si crea occupazione e allo stesso tempo si promuove il turismo e il territorio”. Durante tutti i quattro giorni sono previste degustazioni gratuite di pietanze allo zafferano, tra cui, particolarità, yogurt Grifo Latte a base del “re delle spezie” e spettacoli musicali.

Nicola Torrini

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*