Carnevale dei ragazzi a Sant’Eraclio spettacolare creatività

Il Carnevale da trenta lunghi anni si è anche caratterizzato per una tradizione culinaria

Carnevale dei ragazzi a Sant'Eraclio Foligno, spettacolare creatività

Carnevale dei ragazzi a Sant’Eraclio Foligno, spettacolare creatività

da Andrea Piermarini
FOLIGNO – Giove Pluvio non ha infierito su Re Carnevale, anzi ha dimostrato tutta la sua clemenza, consentendo a Sant’Eraclio lo svolgimento del secondo Corso mascherato della 55° edizione del “Carnevale dei ragazzi”. E stata dunque concessa un’ulteriore occasione di divertimento all’insegna dell’ironia, dello sberleffo, della trasgressione e della goliardia. La musica irradiata in tutto il paese sin dal mattino, invitava la popolazione a vivere l’atmosfera di baldoria e allegria. Dalle vetrine dei negozi occhieggiavano mascherine e all’interno giganteggiavano i manifesti della rassegna e cappelli colorati.

L’edificio scolastico era parato a festa con sfavillanti stelle filanti. Notevoli le animazioni coreografiche dei gruppi mascherati e spettacolari le sei gigantesche creazioni allegoriche di cartapesta e polistirolo che in alcuni casi si muovevano o s’illuminavano all’imbrunire, esaltando le sagome, estasiando il pubblico. In piazza Gramsci per la gioia dei bambini le improvvisazioni del Cappellaio Matto. Ha riscosso successo la Marching Band di percussioni “La Fabbrica del Ritmo” dell’Istituto comprensivo “Galilei”.

Tale iniziativa avrà una valenza biennale e rappresenta un valido metodo di lavoro, la strada maestra che il Carnevale dovrà percorrere in futuro, per una programmazione di eventi a lungo respiro in sintonia con gli enti del territorio. Divertito ed entusiasta il pubblico che ha percorso le viuzze e le piazze della fortezza dei Trinci per assistere al “Circo al Castello” con giocolieri, mangiafuochi, spettacoli di danza aerea.

Carnevale dei ragazzi

Il Carnevale da trenta lunghi anni si è anche caratterizzato per una tradizione culinaria umbra offerta dall’Osteria, brillante intuizione nel 1986, dell’allora presidente Icaro Trabalza. Sino al 14 febbraio resteranno aperti i battenti del celeberrimo spazio enogastronomico che sotto la supervisione del responsabile Lino Silvestrini e con la maestria della chef Edelweiss Ricci Busciantella propone nel preludio la novità dello sformatino di fave con fonduta di pecorino e croccantini in barbazza e tra i peccati di gola la new entry dei maltagliati con barbazza e pistacchi.

Tra i piaceri della carne spiccano la gustosa pagliata, la coratella e le lumache al sugo. Tra i tavoli dell’Osteria si destreggiano con professionalità i ragazzi dell’Oratorio “don Mariano” che hanno anche realizzato con il Cantiere “Area 51” il carro allegorico “Dal Passato con furore” e il gruppo mascherato “Le Idee”. La presenza dei giovani, rappresentati anche nel Consiglio direttivo, fa dunque ben sperare per il futuro della rassegna.

Appuntamento martedì grasso 9 febbraio al Centro commerciale “Piazza Umbra”.  In un bosco delle fate le ragazze del corso di moda dell’Istituto professionale “Orfini” esibiranno le loro creazioni artistiche. Verranno esposti manifesti dai ragazzi del corso di grafica dell’Istituto Professionale “Orfini e nonostante il “Re Carnevale” darà il benvenuto alla Quaresima a Sant’Eraclio si continuerà a folleggiare per altri cinque giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*