Carnevale a Perugia, in centro i carri allegorici di San Sisto

L’evento ha animato il cuore dell’acropoli, dispensando allegria e divertimento

Carnevale a Perugia, in centro i carri allegorici di San Sisto

Il Carnevale è “approdato” nel centro storico di Perugia. Questa mattina, infatti, sono arrivati in piazza IV novembre, alla presenza degli assessori Cristiana Casaioli e Dramane Wagué, i cinque carri allegorici, allestiti dai rioni di San Sisto, per la gioia dei tanti bambini presenti.

L’evento, organizzato dall’Associazione Carnevale I Rioni, con il patrocinio di Regione dell’Umbria, Comune di Perugia e Perugia Capitale Italiana dei Giovani 2016, ha animato il cuore dell’acropoli, dispensando allegria e divertimento.

Come detto cinque i carri allegorici presenti. Il Rione “Il Toppo” ha presentato il tema “Pollon: sembra talco ma non è, serve a darti l’allegria”, rispolverando uno degli storici cartoni animati degli anni ’80-‘90. La biondissima Pollon, figlia del dio Apollo, nel suo desiderio di diventare una dea a tutti gli effetti, era solita combinare guai insieme all’inseparabile amico Eros, pronto a far innamorare le coppie con le sue frecce impazzite.
Il Rione “Il Cedro”, invece, ha proposto un carro con un tema caro ai bambini negli anni ’70. Si tratta di Ufo Robot, o Goldrake se preferite. In occasione dei 40 anni del più famoso cartone animato di sempre, il cedro ha voluto far rivivere in questa edizione le epiche battaglie intergalattiche di Actarus contro i mostri mandati dagli alieni di Vega.

Altro tuffo nel passato grazie al rione Borgo Novo, nato nel 1985 nella zona denominata “I Calcinari”. Il rione ha proposto un carro dedicato al mitico videogioco Pac Man, da oltre 30 anni protagonista nelle sale del divertimento. Il senso del gioco è un po’ lo stesso della vita: per raggiungere i sogni occorre combattere e sconfiggere i fantasmi lungo il percorso.

Ed ancora il Rione Perugia Due ha proposto uno splendido carro dedicato al cartone animato del momento, Masha e Orso. Un tema – scrivono i ragazzi del rione – scelto per far divertire i più piccoli, ma anche perché la grinta e l’energia di Masha e la pazienza e la dedizione di Orso sono le nostre caratteristiche. Sul carro anche tigre con i suoi giochi di magia, i lupi sempre affamati ed il coniglietto golosissimo di carote.

Il rione “La Torre”, uno dei simboli di San Sisto, ha proposto il carro dedicato alla “ricerca dell’isola che non c’è”, e dunque alla favola di Peter Pan. Una proposta per festeggiare il carnevale insieme a Wendy ed i suoi fratelli, a capitan Uncino, la sua ciurma ed il temibile coccodrillo, a Trilli ed, ovviamente, Peter Pan. Perché – dicono dal rione – siamo tutti sognatori e vogliamo rimanere bambini.

Grazie allo spettacolo dei carri piazza IV Novembre si è trasformata in un grande palcoscenico, con i bambini al centro della scena, tra coriandoli e stelle filanti.

 

Carnevale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*