Primi d'Italia

Alla Festa della cipolla di Cannara in tanti sin dalla prima serata

festa della cipolla di cannara

L’evento andrà avanti fino a domenica 11 settembre con pausa lunedì 5 settembre – Rinsaldato gemellaggio con città Walla Walla (Usa) e pronta richiesta per certificazione Igp

(umbriajournal.com) by Avi News CANNARA – Nata 35 anni fa per iniziativa di pochi volontari, in modo fantasioso e quasi in sordina, tra i sottoscala e i giardini delle abitazioni, la Festa della cipolla di Cannara ne ha fatta di strada per divenire oggi uno degli eventi estivi più attesi della regione. Attirati da menù sempre più ricchi e curati, anche quest’anno, sin dal giorno di apertura della manifestazione, mercoledì 31 agosto, gli amanti del prodotto più tipico di Cannara si sono riversati in massa nei sei stand cittadini. Ad attenderli, fino a domenica 11 settembre, con pausa lunedì 5 settembre, decine di piatti diversi ma tutti rigorosamente a base di cipolla coltivata nel territorio comunale.

La valorizzazione della cipolla di Cannara. “È un binomio storico inscindibile quello che lega la nostra città a questo prodotto – ha commentato Roberto Damaschi, presidente dell’Ente Festa della cipolla –. Per soddisfare al meglio i tanti avventori che ogni volta ospitiamo con piacere a Cannara, le sei associazioni che gestiscono le cucine propongono sempre delle novità e ricette molto gustose, grazie a chef e a una professionalità di altissimo livello”. “Stiamo facendo un grande lavoro – ha aggiunto il sindaco della città Fabrizio Gareggia – per valorizzare la nostra cipolla. Insieme all’associazione che raggruppa i produttori locali e grazie al contributo fondamentale dell’assessorato all’agricoltura della Regione Umbria e del Parco tecnologico 3A, anche in collaborazione con Cia Umbria (Confederazione italiana agricoltori), siamo in procinto di presentare la richiesta di certificazione Igp. Questa consentirà di tutelare il prodotto e di dare la giusta remunerazione ai tanti coltivatori che ancora lavorano in modo manuale con impegno e passione”.

Il gemellaggio con Walla Walla. Nell’ambito della promozione della città e della sua eccellenza gastronomica, va inserito anche il gemellaggio con Walla Walla, cittadina statunitense nota anch’essa per la produzione di cipolle di qualità. Per rinsaldare questo recente legame, Cannara ha invitato e ricevuto alla sua festa il city manager di Walla Walla Nabiel Shaw. “È la mia prima volta alla Festa della cipolla – ha detto Shaw – e sono veramente entusiasta perché è meravigliosa. Anche nella mia città organizziamo una festa simile ma non a questi livelli, per cui cerchiamo anche di capire dai nostri amici italiani e da questa esperienza come poterci migliorare. Il gemellaggio serve anche per crescere insieme e spero, il prossimo anno, di poter ricambiare l’ospitalità invitando il sindaco di Cannara a vedere le nostre iniziative”.

Anche arte e cultura. L’aspetto culinario principe della festa, quindi, ma in questi dieci giorni di eventi anche tanta musica, con concerti nelle piazze San Matteo e Corte Vecchia, e spazio all’arte a alla cultura con una mostra inaugurata in concomitanza con la festa, in piazza IV novembre. “In questo luogo che ospita la chiesa della Buona morte e, al suo interno, il tugurio di san Francesco – ha spiegato il professore Ottaviano Turrioni –, abbiamo voluto ritagliarci un angolo in cui ha trovato posto un esposizione di opere di dieci pittori umbri incentrate sul paesaggio locale e sui nostri borghi. Ci saranno anche altri appuntamenti culturali sulla storia del paese. È un modo per far conoscere ai visitatori le nostre tradizioni e la nostra arte”.

Nicola Torrini

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*