Presentata 35esima edizione del Palio della Mannaja di Pietralunga

Federica Radicchi e Mirko Ceci

Per la prima volta arriva la reliquia protagonista del miracolo del Volto Santo di Lucca – Da lunedì 8 a domenica 14 agosto c’è l’evento che rievoca episodio storico del 1334

(umbriajournal by Avi News) – PIETRALUNGA È la 35esima edizione per il Palio della mannaja, l’evento più atteso da tutta la comunità di Pietralunga. Il programma della manifestazione storico-rievocativa, che si terrà da lunedì 8 a domenica 14 agosto, è stato illustrato giovedì 4 agosto, a Perugia, da Mirko Ceci e Federica Radicchi, rispettivamente sindaco e presidente della Proloco di Pietralunga.

Il ‘ritorno’ della mannaia La novità più gradita è il ritorno, dopo 682 anni, della mannaia conservata nella cattedrale di San Martino in Lucca, protagonista insieme a Giovanni di Lorenzo d’Arras di un evento miracoloso. L’11 settembre del 1334, infatti, il pellegrino che stava recandosi a Lucca, si trovò a passare da Pietralunga, dove scorse il cadavere di un uomo vicino a un fiume. Venne ingiustamente accusato di omicidio e per questo condannato a morte. L’uomo si rivolse al ‘Volto Santo’ e quando il boia tentò di tagliargli la testa la lama della mannaia si rivoltò. La cosa si ripeté altre due volte e si gridò, quindi, al miracolo.

Federica RadicchiIl programma del Palio Tanti gli appuntamenti a partire dalla presentazione ufficiale della mannaia, lunedì 8 agosto, alle 21. Alle 22 ci sarà l’esibizione della banda musicale ‘Filarmonica pietralunghese’ a cui seguirà la cerimonia di consegna delle chiavi da parte del sindaco al podestà Branca de’ Branci e, alle 23, la processione con la mannaia verso la chiesa Pieve santa Maria che custodirà la reliquia fino al primo ottobre. Martedì 9 agosto alle 21, ci saranno i ‘Giochi tra borghi e quartieri’, dai quali si stabilirà l’ordine di partenza per la ‘Corsa del biroccio’, in programma domenica 14 agosto, alle 18, in piazza Fiorucci. Il carro del peso di 430 chilogrammi verrà spinto dai componenti di ciascun rione (Borgo de Sopra, Borgo de Sotto, Quartiere del Monte, Quartiere delle Valcelle) in una avvincente corsa a tempo su una distanza di circa 400 metri. Questa, sarà preceduta, sabato 13 agosto alle 21.30, da corteo e rievocazione storica de ‘Il miracolo della mannaja’ per le vie del paese. Non mancheranno, inoltre, concerti, spettacoli di sbandieratori e tamburini, botteghe artigiane e taverne aperte che contribuiranno a far rivivere l’atmosfera medievale.

La mostra Alla taverna che più riuscirà nell’intento verrà consegnato un riconoscimento domenica 14 agosto alle 22.30, quando sarà premiato anche il vincitore del Palio. Tra gli eventi collaterali anche la ‘Quarta estemporanea pittori alla Rocca longobarda’, il 6 e 7 agosto. I partecipanti potranno dipingere ‘en plen air’ come è nelle intenzioni della pittrice Stefania Natalicchi, ideatrice dell’iniziativa. Le cinque opere più apprezzate riceveranno un premio in denaro e verranno esposte alla Casa comunale.

Le parole di Don Coşa“Rievocare il miracolo della mannaja – ha scritto don Francesco Coşa, parroco del paese –, ottenuto per devozione al Volto Santo di Lucca, crocefisso in legno chiamato così perché raffigura il vero volto di Gesù, significa accettare la presenza di Dio in mezzo al suo popolo come Dio della giustizia e della misericordia. Nel cuore del Giubileo della misericordia la comunità pietralunghese accoglie l’ex-voto della mannaia con grande fede e commozione, contemplando il ‘Volto Santo’ come ‘Volto di Misericordia’ ”.

Testimonianze storiche “L’episodio storico trova numerose testimonianze – ha spiegato Radicchi – a cominciare dalla lettera autografa del podestà di Pietralunga, Branca de’ Branci, conservata dai frati cappuccini di Monte San Quirico a Lucca, un quadro aureo conservato nel museo di Mâcon, in Francia, e studi di professori universitari, Bacci e Ferrari, che hanno fatto delle perizie linguistiche agli scritti che attestano tale miracolo”. L’idea della rievocazione si deve invece, allo storico del paese, Antonio Alpini”.

Mirko CeciLa mannaja sarà due mesi in esposizione Due mesi in esposizione “Insieme alla Diocesi di Città di Castello e alla proloco – ha commentato Ceci – abbiamo lavorato affinché la mannaia tornasse nel luogo in cui era avvenuto il miracolo. Questa sarà esposta per due mesi e farà da ‘collante’ per un nuovo pellegrinaggio. Dal 28 al primo ottobre, infatti, Pietralunga ospiterà un raduno internazionale dei pellegrini devoti a San Francesco”.

Rossana Furfaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*