Due nuovi bandi della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia destinati all’arte e alla cultura

I contenuti e le modalità di presentazione delle domande sono stati forniti nel corso dell’incontro dall’esperto Giorgio Sordelli.

Due nuovi bandi della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia destinati all’arte e alla cultura

Due nuovi bandi della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia destinati all’arte e alla cultura

da Lara Partenzi
Due distinti bandi a sostengo di iniziative di promozione e valorizzazione di beni artistici e iniziative culturali. A disposizione ci sono complessivamente 400mila euro. Dopo quello destinato al Volontariato che si è chiuso lo scorso 30 gennaio, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha presentato oggi due nuovi bandi a tema che interessano il settore dell’Arte, Attività e Beni culturali. Prosegue così il programma di erogazione delle risorse attraverso lo strumento del bando al quale, come spiegato dal Segretario Generale Fabrizio Stazi nel corso della presentazione che si è tenuta oggi a Perugia, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Graziani, “sono state destinate maggiori risorse rispetto al passato, ritenendolo uno strumento operativo trasparente e facilmente accessibile da parte della comunità”.

Stazi ha poi evidenziato che la scelta della Fondazione di indirizzarsi verso la modalità innovativa dei bandi tematici si basa “sul processo preliminare di ascolto delle esigenze della comunità di riferimento. Solo dopo avere acquisito una chiara visione delle problematiche del territorio si individuano i bisogni che con lo strumento del bando andiamo a soddisfare”.

In seguito a tale confronto, nell’ambito del settore dell’Arte sono stati così identificati due temi prioritari su cui sono stati impostati i bandi. I contenuti e le modalità di presentazione delle domande sono stati forniti nel corso dell’incontro dall’esperto Giorgio Sordelli.

Il primo tema, al quale sono destinati 250mila euro, riguarda “Interventi di restauro, conservazione e valorizzazione di opere d’arte e/o beni di interesse storico o documentale”. Si tratta di una scelta che va incontro alle esigenze di recupero e tutela del patrimonio storico-artistico, con particolare attenzione alle aree danneggiate dagli eventi sismici del 2016. Destinatari delle risorse sono Organizzazioni senza scopo di lucro, Enti religiosi e Comuni, che potranno ottenere un finanziamento massimo di 50mila euro, con un cofinanziamento obbligatorio che non dovrà essere inferiore al 20%.

Il secondo tema, per il quale sono stati stanziati 150mila euro, interessa invece la “Promozione di eventi culturali di carattere innovativo”, ovvero la promozione di iniziative che per contenuto o metodo contribuiscano a dare slancio allo sviluppo del territorio e dell’intera regione coniugando il rispetto della tradizione con l’innovazione culturale e sociale. Il finanziamento richiesto non potrà superare i 25mila euro a progetto, anche in questo caso con un cofinanziamento obbligatorio del 20%.

Entrambi i bandi sono stati pubblicati oggi, 31 gennaio, e resteranno aperti fino al 20 marzo 2018, data ultima in cui possono essere presentate le domande che, in base alle nuove modalità introdotte quest’panno, possono essere presentate esclusivamente online tramite il portale ROL (Richieste e Rendicontazione On Line) raggiungibile tramite l’apposito collegamento sul sito internet della Fondazione www.fondazionecrpg.com nella sezione “Bandi e Contributi” – “Richieste di contributo” (dove è possibile anche consultare e scaricare i bandi). Per espletare le procedure è necessario accreditarsi al ROL entro il 13 marzo 2018.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*