Habemus film, Perugia oggi: il film tutto made in Perugia

Il film è stato diretto e scritto da Roberto Goracci ed Alessio Ortica, presenti anche nel ruolo di attori

Roberto Goracci ed Alessio Ortica, i registi di Habemus Film (foto Roberto Bellezza)

di Luana Pioppi
Un film nel film, tutto prodotto a Perugia: dai registi, agli attori, alle canzoni della colonna sonora. Si tratta di Habemus film, Perugia oggi, lungometraggio scritto e diretto dai ponteggiani Roberto Goracci ed Alessio Ortica. Undici mesi di lavoro per realizzare una commedia agrodolce a costo “zero”. Molti i volti noti presenti tra cui Leonardo Cenci, Mauro Casciari e i 7 Cervelli, passando per personalità dal mondo dello sport come i fratelli Sabatini e Lamberto Boranga, fino ad ammirare il giornalista e conduttore televisivo Marino Bartoletti, intervenuto per una breve comparsa. Originale anche la colonna sonora. I brani sono tutti originali e scritti da band del territorio come i Balefullies, Madonna di mezzastrada, Three kings on the hill, Triplavvù, Skeleton team, Umberto Ugoberti e Leopoldo Calabria.

Il film è stato presentato in anteprima nei giorni scorsi presso il Cinema Teatro Esperia di Bastia Umbra registrando il sold out e sarà replicato il prossimo 5 maggio a Perugia, alle ore 16, alla sala della Vaccara di palazzo dei Priori. Ma non sarà l’unica occasione. Il film, garantiscono i registi, presto sarà riproiettato in qualche sala perugina.

Habemus Film, la locandina
Habemus Film, la locandina

Come è nata la trama di “Habemus film”?

“Ci siamo incontrati con Alessio ed un altro paio di amici – racconta Roberto Goracci – ma stentavamo ad avere un’idea che ci piacesse pienamente e ci è venuto in mente il nostro ultimo lavoro, ‘Sambuca al Caffè (Essere e non Essere)’, con tutte le complicazioni che ha comportato realizzarlo e le soddisfazioni finali. Ci siamo resi conto che il film era già pronto. Bastava disegnarci intorno qualche altro personaggio nuovo che dipanasse la sua storia e poi era già tutto scritto. Fare un film amatoriale, con gente che lavora e lo fa per divertimento ma con tante complicazioni, è un materiale interessante dal punto di vista narrativo. Chi guarda il prodotto finito non capisce quanti problemi e difficoltà abbiamo avuto nel realizzarlo e di conseguenza tutte le idee geniali che bisogna avere per fare un film amatoriale. Così le abbiamo raccontate”.

A differenza degli altri tre vostri precedenti film avete avuto l’idea di coinvolgere personaggi noti, per quale motivo?

“Abbiamo pensato di raccontare anche la fase del casting. Ci piaceva, anche per prenderci un po’ in giro, raccontarci anche come degli incapaci nelle selezioni. Nei film passati abbiamo trovato gente bravissima che poi si è dimostrata tutt’altro e viceversa. Allora abbiamo pensato di coinvolgere un personaggio noto e di far vedere che lo scartavamo. Abbiamo pensato a Filippo Timi, che è di Ponte San Giovanni come noi, ma non siamo riusciti a contattarlo per vari motivi. Da Timi ci sono venuti in mente i ‘7 Cervelli’ e da li sono nate una serie di collaborazioni con persone meno sconosciute di noi di Perugia. Due sono Carlo e Walter Sabatini, che sono i miei zii, noti nel mondo dello sport; Linda Boranga è la nostra stilista e suo padre è l’ex calciatore Lamberto; Mauro Casciari è un amico da sempre e i ‘7 Cervelli’ idem. Abbiamo conosciuto anche Leonardo Cenci che alla nostra proposta ha risposto con entusiasmo tanto è vero che il sottotitolo ‘Perugia oggi’ è stato introdotto dopo”.

Come mai il titolo “Habemus film”?

“Il film originariamente si chiamava ‘Ciack si vive’ poi una volta Francesco Arcaleni, che è uno dei nostri operatori, mentre ragionavamo insieme ha tirato fuori questo slogan ‘Habemus film’. Ci è piaciuto e lo abbiamo selezionato. Nel corso delle registrazioni, inoltre, abbiamo visto che gli amici noti di Perugia ci dicevano di sì ed abbiamo visto che veniva un film corale. Da qui abbiamo pensato ad ‘America oggi’ di Robert Altman dove ci sono tantissimi attori, ognuno con una piccola performance. Questa coralità ci ha fatto pensare ad introdurre il sottotitolo ‘Perugia oggi’. Per questo motivo abbiamo ripreso anche bellissimi scorci della nostra città. Abbiamo voluto dare un bacio alla nostra Perugia che ci piace tanto ma che troppo spesso non è valutata neppure da noi stessi. Nel film ci sono persone che danno lustro a questa città”.

Una cosa bella di questo lavoro qual è stata?

“Abbiamo cominciato essendo un poule di 4-5 persone. Siamo diventati uno staff di 12, un cast di quasi 100. Il 95% delle persone a cui abbiamo chiesto di partecipare, soprattutto lo staff, ci hanno detto ‘proviamo’ ma poi hanno accettato tutti di lavorare a ‘costo zero’. Ognuno ci mette il suo tempo e la sua passione”.

Una cosa negativa?

“Purtroppo avendo coinvolto tante persone è stato difficile gestirle ed incastrare i tempi, le disponibilità nel programmare i ciack. Ha comportato parecchio stress. C’è stata qualche incomprensione tra di noi”.

Quali sono state le scene più difficili da girare?

“Quelle all’aperto ed in movimento – conclude Goracci – ma poi siamo riusciti a trovare delle soluzioni geniali per risolvere il problema”.

Il film, come detto, è stato diretto e scritto da Roberto Goracci ed Alessio Ortica, presenti anche nel ruolo di attori. Hanno collaborato: Giovanna Fronduti (montaggio), Linda Boranga (costumi e trucco), Monica Ghirelli (responsabile di produzione), Patrizia Luchetti (segreteria di produzione), Francesco Arcaleni e Filippo Traccucci (riprese), Pamela Gatti (coordinamento).

Habemus film

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*