“ASSISI ANTIQUARIATO” CHIUDE I BATTENTI ALL’UMBRIAFIERE

ASSISIantiquariato(UJ.com3.0) BASTIA UMBRA – Ultimissime ore per un tuffo nel passato, alla ricerca di emozioni, di suggestioni e di qualche pezzo pregiato. Domani, mercoledì 1° maggio, chiude i battenti “Assisi Antiquariato”, mostra mercato nazionale giunta alla 41esima edizione e visitata, anche quest’anno, da migliaia di appassionati, esperti, studiosi e semplici curiosi arrivati un po’ da tutte le regioni italiane e anche dall’estero. La rassegna, che si svolge come di consueto nel Centro Umbriafiere di Bastia Umbra, trasformato per l’occasione in raffinata ed elegante galleria d’arte, si conferma tra le più importanti del settore. In questi dieci giorni ha rappresentato una straordinaria occasione d’incontro e di confronto fra tantissimi antiquari. Che hanno fatto il punto sulla situazione generale del settore.

Non sono mancati gli affari, a conferma che il mercato – anche se lentamente – sta riprendendo quota dopo un periodo molto difficile. “Il comparto dell’antiquariato – spiegano gli organizzatori della mostra – ha dato confortanti segnali di risveglio. E se continueremo a puntare sulla qualità e sull’eccellenza i risultati saranno sempre più confortanti per tutti”. Dipinti, mobili, sculture, gioielli, maioliche, merletti, stampe, orologi da tavolo e da parete, tappeti, reperti archeologici: ce n’è davvero per tutti i gusti e per tutte le tasche negli stand dei circa ottanta espositori presenti ad “Assisi Antiquariato”. Espositori provenienti dal nord, dal centro e dal sud dell’Italia, tutti selezionati in maniera rigida da una commissione di esperti d’arte. Da qualche anno la mostra ha varcato i confini nazionali con la presenza qualificata di antiquari provenienti dall’estero, dalla Gran Bretagna e dal Principato di Monaco. Per i ritardatari, insomma, c’è ancora tempo per godersi le bellezze del passato e, magari, per acquistare un oggetto del desiderio. “Assisi Antiquariato” sarà aperta con orario continuato, dalle 10 alle 20.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*