AL MORLACCHI SIP-ARTE, COLLABORAZIONE-SCAMBIO TRA PERUGIA E NAPOLI

Salierno, Folla (olio su tela)Creare una sorta di collaborazione-scambio tra le città di Perugia e Napoli che offra la possibilità ad artisti emergenti, umbri e partenopei, di “sconfinare”. Ovvero di farsi conoscere in contesti nuovi e diversi da quelli in cui vivono e operano abitualmente.

L’idea è racchiusa nel progetto S.I. P-Arte, a cura di Ivano Petrosino e Sabrina Carnevale, che prevede l’organizzazione mensile di un’esposizione pittorica di giovani artisti.

Durante la mostra è prevista la presenza dell’autore delle opere, il quale avrà la possibilità di farsi conoscere dai critici d’arte e dagli invitati attraverso una presentazione di se stesso, del suo percorso formativo e delle opere esposte. Permettendo così al pubblico di interagire in maniera diretta per una lettura più attenta e guidata delle opere.

Il progetto S.I.P-Arte a Perugia nasce in collaborazione con il Caffè Morlacchi e prevede l’organizzazione di un incontro pomeridiano domenicale a cadenza mensile negli spazi messi a disposizione dallo storico locale.

Qui verrà allestita l’esposizione delle opere pittoriche di un artista ogni volta diverso a partire da domenica 9 marzo.

Il primo artista ospite del progetto è il napoletano Domenico Salierno, laureato all’Accademia di Belle Arti della città partenopea. Oltre a coltivare la passione per la pittura, Domenico ha conseguito al Centro Sperimentale Televisivo di Roma il diploma di operatore tv, specializzandosi in montaggio e regia e diventando autore di cortometraggi, videopoesie e videoclip con i quali partecipa a diversi festival.

La pittura di Salierno evoca figure di donne giunoniche – simbolo di fertilità, focolaio, stabilità – ritratte nei loro gesti quotidiani, mentre cullano i loro figli o li portano a fare il bagno. Donne private di ogni esteriorità, ritratte con linee essenziali in uno stile caratterizzato dall’utilizzo di pennellate intense, nette e prive di ogni sfumatura.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*