Valnestore sequestro, Pd si fa carico della questione ambientale

Giacomo Leonelli: "Rilievo regionale per la soluzione della vicenda"

Valnestore sequestro, Pd si fa carico della questione ambientale

“Data la situazione che si sta verificando nella Valnestore tutte le istituzioni sono al lavoro fiduciose dell’operato della magistratura perchè si possa arrivare alla verità e all’accertamento dei fatti nel minor tempo possibile”. Lo ha dichiarato il Segretario Regionale del PD Giacomo Leonelli nel corso dalla direzione comunale del PD di Panicale promossa su questo tema dal segretario Stefano Coppetti e alla quale ha partecipato, tra gli altri, anche il segretario comprensoriale del Pd Trasimeno Sandro Pasquali. Leonelli ha sottolineato come “in consiglio regionale il PD sia stato l’unico soggetto politico a portare delle proposte formali e ha sviluppato un’attenzione costante su questo problema, sin dal momento in cui la questione è stata sollevata”.
“Ho chiesto che la mia mozione a riguardo – ha detto Leonelli- venga discussa già nella seduta del consiglio regionale di martedì e assicuro che sarà aperta ai contributi delle istituzioni locali e alla discussione costruttiva anche con l’opposizione”. “In quella occasione – ha sottolineato Leonelli– ho invitato i sindaci di Panicale e Piegaro a presenziare ai lavori e a farsi portavoce dei loro territori, tanto più in questa fase che li vede custodi giudiziari dei siti sequestrati così come stabilito dagli organi inquirenti. Ciò rappresenta un atto di fiducia ulteriore per queste due nuove amministrazioni che si trovano a gestire una fase così delicata”.
” La questione della Valnestore – ha concluso il Segretario Regionale – non può che essere una vicenda di rilievo e di interesse regionale e deve essere affrontata al più presto perché la sua mancata risoluzione può ledere in maniera forte l‘immagina non solo del territorio, ma di tutta l’Umbria, cuore verde del Paese”. Per il segretario Pd di Panicale Coppetti “in questa vicenda le istituzioni locali e i cittadini della Valnestore sono la parte lesa e per questo motivo chi ha responsabilità, a tutti i livelli, si adoperi da subito perché questa zona esca da un crisi generalizzata che vede,nella vicenda che adesso è all’attenzione della magistratura, un punto cruciale dal quale occorre ripartire, con progettualità e impegni per il futuro. Il Partito Democratico – ha proseguito Coppetti- si sta facendo carico delle preoccupazioni che riguardano la salute dei cittadini della Valnestore e si è già attivato affinché, all’esito dei necessari accertamenti, si possa discutere delle soluzioni e delle eventuali bonifiche che possano essere necessarie per assicurare il massimo livello di tranquillità per chi in questo territorio ha deciso di far vivere i propri figli, la propria famiglia e la propria attività”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*