Università per Stranieri di Perugia, aperto il 92esimo anno dalla fondazione [VIDEO]

L’inaugurazione è stata preceduta dalla Santa Messa celebrata da Sua Eminenza, il Cardinale Gualtiero Bassetti

Università per Stranieri di Perugia, aperto il 92esimo anno dalla fondazione

Università per Stranieri di Perugia, aperto il 92esimo anno dalla fondazione

PERUGIA – È stato inaugurato, nell’Aula Magna di Palazzo Gallenga, l’anno accademico 2017 – 2018 dell’Università per Stranieri di Perugia alla presenza della Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Sen. Valeria Fedeli. Il Novantaduesimo anno della Stranieri è stato ufficialmente aperto dal Magnifico Rettore prof. Giovanni Paciullo che ha tracciato più che una panoramica della situazione dell’Ateneo un’approfondita riflessione sulla missione della Stranieri: “Il mio compito di oggi  – ha detto il rettore Paciullo – è quello di riflettere sulla nostra missione, quella di una università originale nell’impianto e speciale nella vocazione, luogo di attività didattiche e di ricerca, ordinate sulla prospettiva della internazionalizzazione e della integrazione”. E rivolgendosi alla ministra Fedeli il rettore Paciullo ha affermato che la storia della Stranieri “inizia novantadue anni fa, anticipando quella che sarà la missione degli Istituti di cultura italiana nel mondo; centinaia di migliaia di studenti, in questi anni, hanno assunto, in queste nostre aule, lieviti culturali spesso utili a sostenere i potenziali di sviluppo dei loro Paesi; molti di loro hanno poi ricoperto primarie responsabilità di governo dei loro popoli”.

Il rettore, nel suo articolato intervento, si è poi soffermato sul tema della cittadinanza ribadendo che “non può essere un’arma identitaria da impugnare per imporre distanze e segnare esclusioni; la legalità costituzionale – ha aggiunto – ci porta a considerare la persona come centro unitario di protezione di un nucleo di diritti dal quale non può essere separata, dovendo coerenza ad un personalismo che i nostri padri costituenti mutuarono dal Codice di Camaldoli”.

Sono poi seguiti gli interventi di Beatrice Codini, rappresentante del personale tecnico-amministrativo, di Miyuki Nishida rappresentante degli studenti dei corsi di Lingua, e di Emanuele Romolini, rappresentante degli studenti dei corsi di Laurea. La prolusione di questo nuovo anno accademico è spettata alla professoressa Giovanna Zaganelli sul tema “Forme retoriche e narrative del Petrarca illustrato”. Nel suo intervento la professoressa Zaganelli ha ripercorso un viaggio nella Venezia del 1470, nella più antica delle officine tipografiche veneziane, dove appare la prima opera a stampa della letteratura italiana in volgare: l’incunabolo contenente il Canzoniere e i Trionfi del Petrarca.

E poi intervenuta la ministra dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca sen. Valeria Fedeli che han parlato dell’importanza della didattica in una società in continuo e veloce cambiamento culturale e sociale. “Bisogna costruire cittadinanza e uguaglianza – ha asserito la ministra Fedeli – attraverso cultura e saperi. Dobbiamo continuare ad essere un paese che produce cultura, e non dobbiamo diventare consumatori né di tecnologia né di competenze che ci vengono fornite da altro. Il ruolo dell’università e in particolare quello della Stranieri di Perugia ha concluso la ministra “è quello di aver applicato esattamente una straordinaria buona pratica che va riconosciuta e rispettata”.

A conclusione della cerimonia, secondo la prassi della Stranieri, il Magnifico Rettore Paciullo ha consegnato quest’anno i sigilli della Stranieri a Inge Feltrinelli per l’editoria, a Francesco Rutelli per il cinema, e ad Andrea Pontremoli per l’alta tecnologia legata all’automobile italiana come espressione anche dell’italian style. Un sigillo dell’Ateneo è stato assegnato anche ad una delegazione di dipendenti della rappresentanza sindacale unitaria della Perugina.

L’inaugurazione in Aula Magna è stata preceduta, nella Chiesa Chiesa di San Fortunato, dalla Santa Messa celebrata da Sua Eminenza Cardinale Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia e Città della Pieve. La mattinata ha visto, tra gli altri, una folta partecipazione, insieme alle autorità civili, militari e religiose, delle rappresentanze diplomatiche accreditate a Roma, di rettori di cinque Università italiane: Università per Stranieri di Siena, Università di Perugia, Link Campus University di Roma, Università di Bari, Università di Sassari.

La relazione del Rettore

L’omelia del Cardinale Gualtiero Bassetti

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*