UMBRIAMOTO piu di 500 bikers hanno fatto tappa a Perugia

La soddisfazione dell'Assessore Cristana Casaioli del Comune di Perugia

Umbriamoto Perugia in partenza da Pian di Massiano

UMBRIAMOTO piu di 500 bikers hanno fatto tappa a Perugia.   

Due giorni, quelli del fine settimana appena trascorso, caratterizzati dal rombo delle moto che sono arrivate a Perugia un po’ da tutte Italia, per poi disperdersi tra le strade dell’Umbria.

Due giorni in cui la voglia di una breve vacanza all’aria aperta, ma anche la forte volontà di contribuire alla ripresa di un territorio che tanto ha da offrire al viaggiatore sono state il filo conduttore dell’appuntamento con L’Umbria si rimette in moto, a Perugia come nel resto della regione.

A Perugia sono arrivati in circa 500, soprattutto dal nord e centro Italia, grazie all’impegno dei motoclub locali.

4.325 gli euro raccolti grazie alle iscrizioni, che –come era stato già anticipato- saranno devoluti, in accordo con il Comune di Norcia, per la realizzazione di un centro polifunzionale, che possa fungere da centro di aggregazione sociale per gli abitanti della cittadina umbra colpita dal terremoto dello scorso autunno.

“Organizzeremo un momento ufficiale di consegna dei fondi –ha annunciato l’Assessore al commercio, artigianato e mobilità del Comune di Perugia Cristiana Casaioli- insieme ai rappresentanti dei motoclub che si sono impegnati davvero tanto per la riuscita di questo appuntamento. In tanti hanno risposto all’appello lanciato e proprio grazie ai motoclub e agli operatori della ricettività siamo riusciti ad offrire un weekend adeguato alle aspettative. Abbiamo dimostrato di essere una comunità in grado di darsi obietti comuni, di raggiungerli e di rimettersi in moto. Stiamo addirittura pensando –ha concluso l’assessore- di proseguire con questa tipologia di offerta, perché ce lo chiedono gli stessi motociclisti.”

Un successo, dunque, la prima edizione de L’Umbria si rimette in moto, che pare aver rafforzato il profondo legame che in ogni periodo dell’anno lega la nostra regione alle due ruote.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*