Umbria Jazz, Carlo Pagnotta attacca il comune, replica sindaco Romizi

Il Comune conferma e ribadisce l'interesse e l'impegno nei confronti di Uj

Perugia, alloggi di edilizia pubblica, Giunta Romizi ha riportato equilibrio

Umbria Jazz, Carlo Pagnotta attacca il comune, replica sindaco Romizi. Il Comune di Perugia tiene in grande considerazione “Umbria jazz”, consapevole del valore culturale e dell’indubbio ritorno di immagine ed economico che la città ha grazie alla manifestazione. Uj e Perugia sono ormai complementari, la prima per i tanti benefici, in parte già elencanti, che produce al capoluogo, la seconda per lo straordinario ed unico palcoscenico che mette a disposizione. Al tempo stesso l’Amministrazione, ancor di più in questo difficile momento congiunturale, deve essere in grado di gestire ed utilizzare al meglio le proprie risorse. Va considerato che se è vero che il contributo ad Uj è di 50mila euro annui, è altrettanto vero che l’impegno economico del Comune, in termini di servizi, fondamentali per la riuscita dell’evento, è almeno di tre volte tanto. Questo oltre ai 50 mila euro dati dall’Assessorato alla Cultura per la stagione del Jazz Club e per le Clinics.

Per ciò che riguarda Perugia 1416, per la quale l’Ente, visto che si tratta della prima edizione e di conseguenza più bisognosa di sostegno, ha investito in questo anno 100 mila euro, diventa difficile un confronto visto che le due manifestazioni presentano caratteristiche e obiettivi diversi. La rievocazione, infatti, oltre che culturale ha un valore sociale, puntando al rafforzamento del rapporto tra cittadini e tra quartieri, e rispondendo, dunque, ad altro tipo di esigenze.

Il Comune conferma e ribadisce, come già detto, l’interesse e l’impegno nei confronti di Uj, evento di grande prestigio, la cui storia si sposa ed intreccia con quella della città. E’ per questo che siamo come sempre a disposizione per qualsiasi costruttivo confronto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*