Terremoto, Vigili del fuoco Umbria, anima e cuore con sui luoghi del sisma

Le unità cinofile sono ad Arquata del Tronto, gli esperti nelle tecniche SAF e la sezione operativa a Cittareale

Terremoto, Vigili del fuoco Umbria, anima e cuore con sui luoghi del sisma
Il soccorso prestato da un vigile del fuoco

Terremoto, Vigili del fuoco Umbria, anima e cuore con sui luoghi del sisma Le attività dei Vigili del fuoco dell’Umbria proseguono in queste ore fuori dalla nostra regione, nelle zone colpite dal sisma,  con  speciali  unità per la ricerca di vittime sotto macerie, integrate dalle unità cinofile e dall’utilizzo di strumenti particolari, quali telecamere,  termocamere e geofoni, in grado  di rilevare segni della presenza di persone.

Il personale addetto alle unità cinofile si trova a  Arquata del Tronto, quello esperto nelle tecniche cosiddette SAF (speleo-alpino-fluviale) e la  sezione  operativa di colonna mobile, composta da 10 unità e alcuni mezzi, si trovano ancora a Cittareale (Rieti), dove stanno operando nella ricerca di persone. Le altre squadre operative, che hanno operato sin da subito ad Arquata del Tronto, nella notte hanno fatto rientro in sede, dopo aver estratto alcune persone vive dalle macerie e, purtroppo anche diverse vittime.

In Umbria prosegue incessante l’attività dei vigili del fuoco di Perugia e Terni, a seguito dei danni provocati dal sisma anche nella zona della Valnerina.  In particolare viene richiesta alla sala operativa del 115 l’intervento per verificare la presenza o meno di lesioni e la possibilità di utilizzare gli edifici interessati e quelli limitrofi, per il recupero dei generi di prima necessità (farmaci, indumenti, e quant’altro) all’interno delle  abitazioni che erano state abbandonate dopo le scosse sismiche. In alcuni casi è stato necessario intervenire per mettere in sicurezza gli impianti a gas che presentavano perdite, con conseguente rischio di esplosioni.

Sul posto sin dal primo giorno operano oltre 100 unità richiamate in sevizio straordinario che si sommano alle normali  squadre operative della sede centrale e dei vari distaccamenti della provincia di Terni e di Perugia. A Norcia i vigili del fuoco, anche con l’aiuto dei vigili del locale Distaccamento Volontario, sono stati costituiti presìdi nelle frazioni di San Pellegrino, Castelluccio  oltre che  nei pressi di piazza Romana a Norcia Paese. Altre squadre dei vigili del fuoco operano a Preci, a Cascia e a Monteleone di Spoleto.

L’attività è coordinata dal Comandante Marco Frezza, dal Vicario Gianfrancesco Monopoli e dai funzionari tecnici presenti sul  territorio  presso  i vari centri operativi costituiti per la circostanza e sono oltre 30 i mezzi  operativi  dei vigili del fuoco presenti in zona.

Altri interventi sono stati eseguiti ed alcuni sono ancora in corso sia  nel comprensorio di Foligno sia in quello di  Spoleto, dove  vengono segnalate lesioni ai fabbricati, distacchi di gronde e di intonaco.  In particolare nelle zone  di Castelluccio e di San Pellegrino di Norcia gli interventi per la rimozione di parti pericolanti (tegole, comignoli, gronde, intonaci ecc) hanno consentito di ridurre in modo significativo  l’entità della “zona rossa”, cioè quella zona  non più accessibile alla popolazione che conseguentemente deve essere alloggiata in  altre strutture.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*